Simone Fattal e Atel Adnan: arte e letteratura

Prima doppia personale in Italia delle due artiste che restituisce il calore della loro pratica pittorica, scultorea, letteraria

0
257
Simone Fattal
Etel Adnan and Simone Fattal, Paris, March 2016. Photo by Fouad Elkour

Dipinti, sculture ma anche libri, poesie e oggetti di uso quotidiano. Etel Adnan & Simone Fattal: Working Together, a cura di Vincenzo de Bellis, è la prima doppia personale delle artiste in Italia, compagne di vita e lavoro dagli anni Settanta. Dal 29 aprile al 6 Novembre la mostra ricostruirà una dimensione intima e domestica negli ambienti della biblioteca della Fondazione Antonio Dalle Nogare a Bolzano. Gli spazi per la prima volta saranno utilizzati per esposizioni.


Fondazione Dalle Nogare: le esposizioni 2022


Cosa unisce Etel Adnan e Simone Fattal?

Adnan (Beirut, 1925 – Parigi, 2021) e Fattal (Damasco, 1942) si sono conosciute a Beirut. Da allora hanno vissuto insieme tra Parigi, Beirut e la California settentrionale, lavorando e sperimentando i media più differenti. Prima di essere artiste visive sono letterate, Adnan poetessa e pittrice, e Fattal scultrice e fondatrice di Post-Apollo Press, una casa editrice specializzata in testi di storia, politica, scienze sociali, studi di genere. La forza delle loro opere sta proprio nella multidisciplinarietà e nelle influenze letterarie con le quali si sono sempre confrontate. Il vivere insieme è parte integrante della loro pratica artistica. Nella casa parigina una stanza era lo studio di Etel dove, seduta alla stessa scrivania, si dedicava alla scrittura delle sue poesie e dipingeva. Negli altri ambienti Simone ha distribuito le sue ceramiche, sculture o oggetti di uso quotidiano, realizzate in un laboratorio poco lontano dall’abitazione.

L’allestimento della mostra

Nel corso degli anni non sono mancati i momenti in cui l’una è entrata nell’opera dell’altra. Nel luogo così intimo che è la casa rappresenta più di ogni altro l’essenza delle due artiste sia individualmente che come coppia. Da qui la scelta di realizzare per la mostra un ambiente domestico, per provare a restituire al visitatore, con una lettura intima, il calore delle loro opere. Pertanto la Fondazione ha scelto di utilizzare, per la prima volta per una mostra, la propria biblioteca, trasformandola in uno spazio dal sapore casalingo. Un po’ zona living, un po’ libreria, un po’ cucina e un po’ sala da pranzo.

Le opere in esposizione Di Etel Adnan e Simone Fattal

L’esposizione comprende un ampio numero di opere. Circa trenta lavori di Etel Adnan, tra dipinti, arazzi, leporelli e disegni, e altrettanti pezzi tra sculture e arazzi di Simone Fattal. Ci spo anche oggetti personali, libri scritti dall’una, editi dall’altra, o relativi al loro lavoro, o ancora di autori che le hanno influenzate o di cui sono amiche. Nel corso della mostra il pubblico, oltre ad ammirare le opere, potrà leggere i volumi, sfogliare i cataloghi e prendersi del tempo per immergersi nella vita e nell’arte delle due artiste. Magari accompagnati da un tè o da un caffè serviti nelle tazze realizzate da Fattal.

Un progetto realizzato dopo la scomparsa di Etel Adnan

La mostra è un progetto unico, perché per la prima volta mette insieme le due artiste dopo la recente scomparsa di Etel Adnan. Inoltre, la prima volta mette in luce, in un contesto che abitualmente è dedicato all’arte visiva, l’importanza della letteratura nella carriera di entrambe, della sua influenza sulla loro pratica visiva, personale e di coppia. L’opening dell’esposizione è in programma il 29 aprile alle 18 alla Fondazione Dalle Nogare.

Immagine di cartella stampa.