Sidney Poitier: la leggenda del cinema è morto a 94 anni

0
348
Sidney Poitier

E’ morto a 94 anni l’attore americano Sidney Poitier, primo nero a vincere l’Oscar nel 1964 come migliore interprete. Lo riportano i media statunitensi. Poitier era stato anche il primo attore black a aggiudicarsi un premio alla Mostra del Cinema di Venezia, nel 1957, e ancora il primo interprete nero a essere nominato agli Academy Awards nel 1958.

Chi ha dato l’annuncio della scomparsa di Sidney Poitier?

La notizia è stata annunciata dal ministro degli Esteri delle Bahamas Fred Mitchell, sollecitando omaggi dal mondo dello spettacolo.

Quale è stato il suo film d’esordio?

Il suo film d’esordio, ‘Uomo bianco tu vivrai’ di Mankiewicz (’49), in cui interpreta la parte di un medico ingiustamente accusato dai razzisti di aver lasciato morire un suo amico.

Quali sono stati i suoi maggiori successi?

In ‘Indovina chi viene a cena?’ (’67) e ‘La calda notte dell’ ispettore Tibbs’, i suoi maggiori successi, si trova di fronte a due diverse forme di razzismo: la prima, molto educatamente controllata, e’ rappresentata dalla coppia Spencer Tracy-Katharine Hepburn, genitori progressisti che si vedono arrivare a cena, con grande sorpresa, il fidanzato di colore della figlia; la seconda e’ invece incarnata dal truce sceriffo Rod Steiger con cui Poitier, ispettore di polizia, dovrebbe collaborare su un caso di omicidio.

Gli anni successivi

Dopo aver recitato nel ruolo di un attivista in lotta contro l’apartheid nel film d’azione ‘The wilby conspiracy (Il seme dell’odiò, 1974) di Nelson, accanto a Michael Caine, ha notevolmente diradato la sua presenza sul grande schermo, partecipando nel 1988 a due polizieschi, ‘Little Nikita’ (‘Nikita Spie senza volto’) di Richard Benjamin e ‘Shoot to kill’ (‘Sulle tracce dell’assassino’) di Roger Spottiswoode, e negli anni Novanta a ‘Sneakers’ (‘I signori della truffa’, 1992) di Phil Alden Robinson, e a ‘The Jack-al’ (1997) di Michael Caton-Jones, mentre numerose sono state le sue apparizioni sul piccolo schermo, tra cui l’interpretazione di Nelson Mandela in ‘Mandela and de Klerk’ (1997) di Joseph Sargent. Dal 1998 faceva parte dello staff dirigenziale della Walt Disney.

I premi

Ha anche ricevuto il Kennedy Center Honors nel 1995, la Presidential Medal of Freedom nel 2009, due Golden Globe e un Grammy per aver narrato la sua autobiografia del 2000, The Measure of a Man: A Spiritual Autobiography.

Le parole di Denzel Washington

Denzel Washington ha elogiato Poitier quando è diventato il secondo uomo di colore a vincere il premio come miglior attore per il film Training Day del 2001, dicendo: “Ti inseguirò sempre, Sidney. Seguirò sempre le tue orme. Non c’è niente che preferirei fare, signore. A partire dal 2012, dopo la morte di Ernest Borgnine, Poitier è diventato il più anziano vincitore del premio come miglior attore vivente nella storia.

Il cordoglio di Hollywood

L’attore di Westworld Jeffrey Wright è stato tra i primi a condividere i suoi pensieri sulla morte di Poitier. “Che attore storico”, ha twittato. “Unico nel suo genere. Che uomo bello, gentile, caloroso, genuinamente regale. RIP, signore. Con amore”.

Tyler Perry

Tyler Perry ha condiviso su Instagram che il suo “cuore si è spezzato” dopo aver appreso la notizia della morte di Poitier. “La grazia e la classe che quest’uomo ha mostrato per tutta la sua vita, l’esempio che mi ha dato, non solo come uomo di colore ma come essere umano, non saranno mai dimenticati”, ha scritto Perry.

Questlove

Questlove ha definito Poitier “Uno dei più grandi attori della sua generazione”, in un post su Instagram. “Sai già che posso vomitare paragrafi di ciò che il suo attivismo rappresentava soprattutto in un momento in cui i suoi riconoscimenti stavano accadendo durante l’era dei diritti civili, ma amico, questa è più una riflessione personale a causa del legame che i suoi film degli anni ’70 hanno creato per la mia famiglia e I. Riposa in pace. 🙏🏾E grazie”, ha scritto Questlove.

Whoopi Goldberg

Whoopi Goldberg ha citato i testi di “To Sir, With Love”, la canzone del titolo del film di Poitier del 1967. “Se volevi il cielo, scriverei attraverso il cielo in lettere che salirebbero a mille piedi di altezza… Al signore… con amore”, aggiungendo “Ci ha mostrato come raggiungere le stelle”.

Joseph Gordon-Levitt

Joseph Gordon-Levitt ha twittato: “Sidney Poitier. Una leggenda assoluta. Uno dei grandi”. Il tweet è accompagnato da foto, tra cui quella del presidente Barack Obama che assegna a Poitier la Presidential Medal of Freedom.

Viola Davis

Questo è grande. Nessuna parola può descrivere come il tuo lavoro abbia cambiato radicalmente la mia vita. La dignità, la normalità, la forza, l’eccellenza e la pura elettricità che hai portato ai tuoi ruoli ci hanno mostrato che noi, come persone di colore, contavamo!!! È stato un onore… https://t.co/xaPAjAlRtR pic.twitter.com/aqOmRqq7SN — Viola Davis (@violadavis) 7 gennaio 2022.

Morgan Freeman

Sidney è stata la mia ispirazione, la mia luce guida, il mio amico. Mando amore a Joanna e alla sua famiglia. pic.twitter.com/0UzVIyeJZV — Morgan Freeman (@morgan_freeman) 7 gennaio 2022