Sicurezza dei giornalisti e fact-cheking: cosa succederà nel 2021?

0
570

In questo anno indimenticabile e tumultuoso, i giornalisti di tutto il mondo hanno coperto la pandemia in corso, le proteste, i disastri naturali, i conflitti attivi, le elezioni e altri eventi che cambiano la vita. I giornalisti, i conduttori, i fotografi, gli operatori, i produttori e i tecnici che hanno portato al pubblico le storie più grandi del 2020 hanno spesso messo a repentaglio la propria sicurezza fisica e il proprio benessere psicologico. Si sono ritrovati oggetto di un crescente abuso digitale. La sicurezza dei giornalisti nel 2020 è stata messa spesso in pericolo.

Quanti giornalisti sono morti nel 2020?

Nel 2020 sono state decine i giornalisti uccisi in attacchi mirati. Almeno 50 giornalisti in tutto il mondo hanno perso la vita sul lavoro quest’anno. A dichiarare questi dati il rapporto annuale del gruppo di difesa dei media Reporter Senza Frontiere. La Ong ha avvertito di un aumento delle uccisioni mirate. Messico, Iraq, Afghanistan, Pakistan e India sono i primi 5 paesi pericolosi.

E quando non muoiono subiscono soprusi legislativi

La giornalista cittadina cinese Zhang Zhan ha ricevuto una condanna al carcere per i suoi reportage da Wuhan durante le prime fasi della pandemia di coronavirus. I suoi video livestream e i suoi saggi ampiamente condivisi descrivono in dettaglio i crematori e gli ospedali sovraffollati mentre le autorità cinesi lottavano per contenere il virus. Zhang, un ex avvocato con sede a Shanghai, è stato condannato per “aver acceso litigi e provocato guai“, un’accusa comune usata contro i critici del governo in Cina.

Il caso turco

Il giornalista turco Can Dunbar ottiene 27 anni in contumacia per spionaggio. Dundar, l’ex redattore capo del quotidiano turco Cumhuriyet, e un collega, Erdem Gul, sono stati entrambi condannati nel 2016 a cinque anni di prigione. Il reato è quello di aver pubblicato un video che pretendeva di mostrare i servizi segreti turchi che trasportavano armi in Siria. Gli avvocati di Dundar si sono rifiutati di partecipare all’udienza finale. “Non vogliamo essere parte di una pratica per legittimare un verdetto politico precedentemente deciso” hanno detto in una dichiarazione scritta prima dell’udienza.

In Marocco

Le autorità marocchine arrestano la giornalista Maati Monjib. Secondo un post di Facebook del giornalista indipendente Abdellatif El, le forze di sicurezza hanno arrestato Monjib. Era un collaboratore della Al-Quds Al-Arabi con sede a Londra.

Il caso Julina Assange

Il punto di vista del Guardian su Julian Assange: non estradarlo. “Il 4 gennaio, un giudice britannico deciderà se Julian Assange debba essere estradato negli Stati Uniti, dove potrebbe rischiare una condanna a 175 anni in una prigione di massima sicurezza. Non dovrebbe. Le accuse contro di lui negli Stati Uniti minano le basi della democrazia e della libertà di stampa in entrambi i paesi “.

Quale lezione ci lascia il 2020?

Cosa possono imparare i giornalisti dai loro errori durante la pandemia? Per ottenere la giusta copertura di COVID-19 sono stati necessari redazioni diversificate e giornalisti con capacità e competenze in materia di dati, sostiene Dorothy Byrne. “Non era solo la mancanza di conoscenza scientifica della nostra professione che ci ha ostacolato. Spesso non capivamo i dati. Gli esperti lamentano regolarmente la nostra professione “confuso il denominatore. Se non capisci cosa significano, forse sei parte di quel problema. Gli esperti hanno affermato che il 30% delle persone con COVID-19 può risultare negativo. Ciò è stato segnalato erroneamente poiché il 30% dei test negativi è sbagliato “, scrive. “La storia di COVID-19 è una storia di salute, una storia di scienza, una storia di dati e una storia politica. Penso che ci siano buone ragioni per cui i corrispondenti di scienza e salute avrebbero dovuto essere inviati più spesso alle conferenze stampa e meno i redattori politici. Raramente abbiamo visto l’editore scientifico della BBC in una di queste conferenze “.

Sicurezza dei giornalisti: cosa aspettarsi dal fact-checker nel 2021?

Il 2020 è stato probabilmente l’anno più caotico del 21° secolo e sicuramente un anno travolgente per i fact-checker. La pandemia di coronavirus non solo ha scosso il mondo in un modo senza precedenti. Ha anche ridisegnato il funzionamento dei fact-checker, il modo in cui impariamo gli uni dagli altri e, soprattutto, il modo in cui collaboriamo non solo a livello locale ma globale. Nel 2021, la cattiva disinformazione medica sarà al centro dell’attenzione dei fact-checker. La collaborazione continuerà a svolgere un ruolo vitale nella lotta a qualsiasi tipo di cattiva informazione. Dovremo combattere contro coloro che descrivono il controllo dei fatti come censura.

La libertà di stampa nei paesi dell’europa emergente è ancora un miraggio
Orban e la libertà di stampa in Ungheria