Sì unanime a tutelare i minori dal bullismo e cyberbullismo

3
231

Il consiglio regionale di Puglia ha approvato all’unanimità la proposta di legge del M5S contro il bullismo e il cyberbullismo. Il  programma di legge prevede delle attività multidisciplinari dedite a combattere questi reati, preservare lo stato psico-fisico di bambini e adolescenti  e diffondere la legalità e l’uso consapevole dei mezzi di comunicazione in ambito scolastico. Sarà attuata un’azione preventiva dei  fenomeni  bullismo  e cyberbullismo attraverso campagne di sensibilizzazione, attraverso azioni che proteggano e aiutino quelle persone  che sono state vittime di tali reati e con attività sportive, ludiche, sociali e culturali che insegnino il rispetto per chi è diverso. Oggi il mondo virtuale è una grande opportunità che ci è stata data, ma è anche uno dei più grandi pericoli poiché proprio nel web e soprattutto fra i giovani si diffonde il cyberbullismo. Fenomeni come quelli del bullismo e del cyberbullismo tormentano le loro vittime in un tempo continuo. Essi si manifestano con violenza verbale, derisione, diffamazione, esclusione dal gruppo e offese fino ad  arrivare anche a vere e proprie aggressioni fisiche. Nell’articolo 1 sono spiegate le finalità della legge: prevenire rischi di bullismo durante l’infanzia e l’adolescenza tramite azioni che contrastano questi fenomeni.  Nell’articolo 3 sono definite le attività pratiche che saranno messe in atto per contrastare questi fenomeni: attività multidisciplinari per insegnare il rispetto della persona e l’uso corretto del web, dei social e dei mezzi di comunicazione nelle scuole. Inoltre sono previsti corsi di formazione per gli educatori affinché siano in possesso di metodi psico-pedagogici corretti per insegnare la legalità. Ci saranno interventi speciali attuati in collaborazione con enti di amministrazione della giustizia quali aziende sanitarie locali, forze dell’ordine e prefettura. Sono previsti programmi di sostegno non solo per le vittime, ma anche per gli autori di questi atti violenti. Saranno istituiti sportelli d’ascolto con figure professionali competenti e saranno attuate campagne di sensibilizzazione a tale problematica così da combatterla.  Le attività proposte dalla legge dovranno portare anche ad elevare il livello di attenzione a scuola facendo in modo che cresca il rispetto fra i giovani e sosterranno le famiglie e la scuola affinché si formino giovani rispettosi uno dell’altro. La prima firmataria è stata la consigliera Grazia di Bari, la quale si è definita soddisfatta per l’approvazione della legge all’unanimità.

Annunci

3 COMMENTS

  1. L’educazione al rispetto “dell’ altro” è indispensabile per una vita civile e quindi, per prevenire tutte le forme di prevaricazione e violenza. Siamo tutti chiamati a questo compito se vogliamo una vita migliore in tutti i sensi.

  2. L’articolo di Maria Chiara Valecce è un ottimo articolo scritto perché lo possano comprendere tutti. Non è artificioso e arzigogolato: trasmette chiaramente il problema del bullismo e gli interventi che possono contrastarlo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here