Si può trovare lavoro sui social?

0
109

Dover trovare una nuova sistemazione lavorativa è veramente impresa ardua, specialmente a causa di questa pandemia, che ha aggravato una situazione già parecchio complicata, che rischia di scoraggiare. In un contesto sempre più fluido, per trovare un lavoro bisogna padroneggiare molti strumenti diversi.

Non basta più fare del porta a porta, o chiedere in giro: la concorrenza è agguerrita, i posti pochi, bisogna impegnarsi molto e attivamente per trovare un nuovo lavoro o una posizione in grado di soddisfare tutte le proprie esigenze.

Tra social network e cv, lo storytelling delle proprie competenze deve essere la base per cercare di presentarsi al meglio. Sarà possibile trovare lavoro sui social network? In molti se lo chiedono: la risposta, come spesso capita sul web, è “dipende”.

Trovare lavoro sui social è possibile? Cosa sapere sul cv

La prima cosa da fare quando si vuole trovare lavoro è capire quali sono i propri punti di forza e come presentarsi a dovere, prima di tutto sul curriculum. Il cv è un punto-cardine nella ricerca di una nuova occupazione: di fatto è un po’ la nostra carta d’identità da mostrare, il biglietto da visita che potrebbe attrarre o far scartare la propria candidatura.

Il consiglio resta sempre lo stesso, se non si è in grado – per mancanza di competenze o tempo – di pensare un cv in grado di fare la differenza, meglio affidarsi a pareri esperti. Il modello di cv su cvapp.it, ad esempio, può essere selezionato in base alle proprie attitudini o agli ambiti lavorativi che interessano. In questo modo non si rischierà di inviare qualcosa che sa già di vecchio o già visto: esperti di settore hanno seguito tutte le regole d’oro per stilare il cv adatto alle proprie necessità.

Il cv si potrà inserire sui vari portali di ricerca di lavoro o proprio sui social: in molti sono scoraggiati, ma in effetti anche le reti sociali possono essere veramente fondamentali per cercare una nuova occupazione.

Cv sui social: tra network e reale utilità

Sfatiamo un tabù: effettivamente i social aiutano a trovare lavoro. Non bisogna lasciarsi scoraggiare da chi dice che spendere cura e tempo in post e affini non aiuterà a trovare lavoro. Spesso le reti sociali hanno un duplice ruolo: favoriscono la nascita e crescita di relazioni, e vengono attivamente usate dagli head hunter.

Per quanto riguarda le relazioni, bisogna proporsi senza imporsi, con post utili, attenti, e molto attinenti al social di riferimento. Mai perdersi in chiacchiere o sbagliare tone of voice: i post sono un modo in cui comunichiamo professionalità, idee, aspirazioni e forza di volontà. Gli head hunter spesso utilizzano proprio i social per farsi una prima impressione sul possibile candidato: è interessato, ha passioni, ama parlare del proprio lavoro, ha entusiasmo? Tutte risposte che, spulciando sui social, si possono facilmente trovare e contribuiscono ad una prima scrematura.

Commenti