Shin Bet: Netanyahu estende il mandato del capo dell’Agenzia

Il primo ministro israeliano a prolungato di alcuni mesi il mandato di Nadav Argaman

0
263
Shin Bet

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha prolungato di alcuni mesi il mandato di Nadav Argaman, capo dello Shin Bet, l’Agenzia di Intelligence per gli affari interni dello Stato di Israele. Argaman avrebbe dovuto lasciare l’incarico dopo cinque anni di lavoro.

Shin Bet: cosa ha deciso Netanyahu?

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha prolungato di alcuni mesi il mandato di Nadav Argaman, capo dello Shin Bet, l’agenzia per la sicurezza israeliana. Secondo quanto riferito da Haaretz, Argaman avrebbe dovuto lasciare l’incarico nelle prossime settimane dopo cinque anni di lavoro.

Netanyahu aveva nominato Nadav Argaman nel maggio del 2016 come capo dello Shin Bet in sostituzione di Yoram Cohen. Il primo ministro israeliano aveva elogiato Argaman dicendo di essere fiducioso che sotto la sua guida l’Agenzia avrebbe continuato a rafforzarsi a livello operativo e tecnico continuando a proteggere Israele.   

Cos’è lo Shin Bet?

Lo Shin Bet è l’Agenzia di Intelligence per gli affari interni dello Stato di Israele. L’Agenzia è nata nel 1948 ed è una delle tre principali organizzazioni per la sicurezza dello Stato, insieme ad Aman, l’Intelligence militare, e al Mossad, responsabile della gestione della raccolta di Intelligence nelle operazioni all’estero. Il nome ufficiale sarebbe Shabak. Il quartier generale si trova ad Afeka, un quartiere settentrionale di Tel Aviv. I compiti dell’Agenzia sono la protezione della sicurezza dello Stato, l’interrogatorio di sospetti terroristi, la fornitura di informazioni sulle operazioni antiterrorismo in Cisgiordania e nelle Striscia di Gaza, il controspionaggio, la protezione personale degli alti funzionari pubblici, la protezione di importanti infrastrutture e edifici governativi, e salvaguardare le compagnie aeree israeliane e le ambasciate d’oltremare. L’Agenzia ha tre ali operative: il dipartimento arabo; il dipartimento israeliano ed estero; il dipartimento di protezione della sicurezza.


Leggi anche: Israele: Netanyahu accusato di uso illegittimo del potere