Sheida Soleimani e For Freedom per le donne in Iran

Gli artisti hanno realizzato delle opere in segno di protesta alla Commissione status delle donne di ONU

0
298
Iran: uccisa perché indossava il berretto e non il velo

Una mano tiene un hijab bianco bruciato. Sparsi dietro ci sono riproduzioni incongruamente rosa di una tomografia computerizzata che mostra un trauma da forza contundente alla testa. L’immagine puntata è un’enorme stampa fotografica dell’artista irano-americana Sheida Soleimani, attualmente esposta di fronte a un ex ospedale per il vaiolo a Roosevelt Island. Le scansioni sono trapelate dopo che Mahsa Amini, una giovane donna curda che si faceva anche chiamare Jina, è morta a Teheran in custodia della polizia a settembre. Era arrestata con la motivazione che non stava osservando correttamente la legge iraniana sull’hijab. La sua morte ha scatenato proteste diffuse nel paese, e sebbene il respingimento da parte delle forze governative sia grave, con centinaia di morti e migliaia di arresti, le proteste non si sono ancora fermate.


Iran: uccisa perché indossava il berretto e non il velo


Perché Sheida Soleimani ha realizzato il dipinto?

Nel tentativo di mantenere l’attenzione internazionale sulle proteste il collettivo di attivisti-artisti For Freedoms lavorano con ONG focalizzata sulla leadership femminile. Quindi una coalizione libera di donne iraniane di spicco, ha recentemente allestito una mostra collettiva chiamata Eyes on Iran nel Franklin D. Roosevelt Four Freedoms State Park. Un modo di fare pressione sulle Nazioni Unite per rimuovere il paese dalla sua Commissione sullo status delle donne.

Gli artisti del collettivo For Freedoms

Tra i rami degli alberi del parco galleggiano motivi di tappeti persiani stampati su rete dall’artista concettuale Shirin Towfiq. Bandane rosse, bianche e verdi legate da Aphrodite Désirée Navab adornano i loro tronchi. Un altro tappeto è riprodotto sul marciapiede da Sepideh Mehraban. Una lista di manifestanti che sono uccisi compilata dall’artista anonimo la cui conversazione con la Direttrice di For Freedoms Claudia Peña ha dato il via all’intero progetto affronta le Nazioni Unite da un muretto. Una grande riproduzione di una fotografia del 1993 di un occhio di donna di Shirin Neshat che ha parlato all’apertura della mostra, come ha fatto Hillary Clinton è visualizzata solo da alcune angolazioni. Si trova attaccata alle alzate di una scala.

Arte di protesta di Sheida Soleimani

L’effetto di tutto questo è stranamente doppio. Preso nel contesto delle notizie del giorno e delle drammatiche viste sul fiume e sullo skyline del parco, lo spettacolo nel suo complesso si legge come un semplice, e singolare, grido di attenzione. Come arte di protesta, in altre parole, è estremamente efficace. Il messaggio è chiaro e dettagli come nella fotografia di Soleimani, insieme alla messa in scena, conferiscono un innegabile stato d’animo di urgenza. Considerati separatamente, tuttavia, la maggior parte dei pezzi lascia un’impressione non di rabbia, ma di dolore sottile e sorprendentemente memorabile. Un pannello di mattoni coi nomi dei manifestanti arrestati, da Saman e Sasan Oskouei, fratelli di Brooklyn lavorano sotto il nome di Icy & Sot è straziantemente silenzioso. Anche i tappeti volanti di Towfiq, per le fantasie fiabesche che evocano, suggeriscono qualcosa di simile a una rassegnazione sognante. Il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite dovrebbe votare se rimuovere o meno l’Iran dalla Commissione sulla condizione femminile entro il 14 dicembre. Eyes on Iran rimarrà in mostra fino alla fine dell’anno.