Severo peggioramento in arrivo: rischio alto di nubifragio e alluvioni lampo

0
287
Severo peggioramento

Severo PEGGIORAMENTO METEO: prossime ore rischio NUBIFRAGI. Le regioni colpite dal maltempo

Ci siamo, le condizioni meteo stanno peggiorando. Un Severo peggioramento previsto, rivisto, descritto e discusso. Un peggioramento che, nel corso dei giorni, ha dovuto subire varie rivisitazioni modellistiche ma che alla fine è giunto a destinazione. Ciò che più preme evidenziare è che dovrebbe trattarsi di una vera e propria svolta ed è qui che i modelli matematici hanno dovuto stravolgere il tiro.

Non tutti, è giusto sottolinearlo, ma come ben saprete c’erano alcuni centri di calcolo internazionali che ipotizzavano un rapido miglioramento e il ritorno dell’Anticiclone Africana. Invece no, l’ottobrata è stata cancellata ed anzi, le ultimissime interpolazioni confermano una clamorosa sterzata autunnale. Avremo modo di occuparci dettagliatamente di quel che potrebbe accadere nei prossimi giorni, in questo momento riteniamo sia ben più importante dare ampio risalto all’imminente peggioramento perché dovrebbe scatenarsi tra non molto e perché potrebbe portare fenomeni atmosferici particolarmente violenti.

Allerta meteo Piemonte per il transito di una perturbazione oceanica

Allerta meteorologica è stata emessa dagli enti regionali della Lombardia

Allerta rossa Lunedi 4 Ottobre in Liguria e allerta arancione in 4 regioni

Le prime piogge, lo si evince dal radar, stanno coinvolgendo basso Piemonte e Liguria. In quest’ultimo caso si stanno già abbattendo fenomeni particolarmente violenti, ossia veri e propri nubifragi. L’intensità delle precipitazioni andrà seguita con particolare attenzione, carte alla mano proprio in Liguria, a ridosso delle Alpi, delle Prealpi, sull’alta Toscana e più occasionalmente in Val Padana, potrebbero abbattersi nubifragi temporaleschi particolarmente violenti.

Vogliamo riproporvi la mappa relativa agli accumuli di pioggia, ma stavolta non nei 5 giorni bensì nell’arco delle 24 ore. Ampiamente confermati i possenti accumuli nelle aree suddette, si parla di oltre 100-150 mm nella stragrande maggioranza dei casi. Addirittura in alcune zone alpine non basta la scala colorimetrica del modello matematico in oggetto (ICON), significa che potrebbero cadere ben oltre 200 mm di pioggia. Quantitativi preoccupanti perché concentrati in pochissimo tempo, quindi attenzione perché potrebbero crearsi situazioni di criticità idrogeologica.

Nelle altre regioni d’Italia il peggioramento entrerà in scena nelle prossime 24-48 ore e lo ripetiamo: sarà una vera e propria svolta autunnale, l’isolamento di un’ampia goccia fredda porterà marcata instabilità per tutta la settimana e forse addirittura oltre. Ma avremo modo di riparlarne.

Fonte: Meteo Giornale