A trovare la donna in salotto è stato il marito al rientro dal lavoro.

Una donna di 50 anni, Lucia Benedetto, è stata trovata senza vita nel suo appartamento a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano.

Sul corpo sono visibili ferite da coltellate, ma i carabinieri non sono ancora in grado di accertare se si tratti di omicidio o suicidio. La donna è stata trovata in soggiorno dal marito di 55 anni, che, al momento, sembra essere estraneo alla vicenda.

Sia la vittima sia il marito non hanno precedenti. La coppia ha un figlio di 21 anni che al momento del rientro del padre, intorno alle 18:50, non era in casa. Il corpo della donna presentava una ferita di arma da taglio al collo. Da quanto si apprende si tratterebbe di una famiglia normale, senza particolari problemi.

Al vaglio degli inquirenti, le indagini sono coordinate dalla Procura di Monza, le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona e il traffico telefonico della donna così come quello dei suoi familiari.

Le ipotesi restano due: suicidio o omicidio per mano di qualcuno che avrebbe avuto modo di accedere all’appartamento dei Di Benedetto. La porta infatti era chiusa e in casa non vi sono segni di effrazione.

Aggiornamento del 25 Aprile 2019 ore 18,40

Sesto San Giovanni (Milano) – Fermato Corrado Badagliacca per l’omicidio della Madre

Corrado Badagliacca, che era ricercato da 24 ore, ha tentato di fuggire alla vista dei carabinieri.

Tutti i sospetti si erano subito concentrati su di lui, su quel figlio di 21 anni che non si trovava. Che da casa era sparito. Era scappato via in bici, senza soldi né telefono. Un giovane disoccupato con problemi psichici che alla famiglia dava tante preoccupazioni.

Corrado Badagliacca è stato fermato poco dopo le 15, in strada, a Cinisello Balsamo, nel Milanese. Alla vista dei carabinieri in ogni modo ha provato a scappare, a opporre resistenza, ma non ci è riuscito.

È accusato dell’omicidio della madre, Lucia Benedetto, 49 anni, sgozzata in soggiorno con un levatorsoli, che gli investigatori hanno ritrovato in bagno. Sul cadavere, tutto intorno al profondo colpo alla gola, c’erano piccoli “tagli da punta”, come se qualcuno avesse voluto infierire ulteriormente su quel corpo. 

A trovare la casalinga è stato il marito, italiano di 54 anni, poco dopo le 18.30 di ieri, quando è rientrato dal lavoro. Dopo il turno in un ospedale milanese, dove è impiegato come barelliere, si è precipitato a casa. Il corpo della donna era ormai senza vita, disteso sul pavimento del soggiorno dell’appartamento in via Sicilia.

Nella stanza tutto in ordine. Subito l’uomo ha lanciato l’allarme e sul posto, coi soccorritori del 118 che non hanno potuto far altro che constatare la morte della donna, sono arrivati i carabinieri di Sesto San Giovanni e del Nucleo investigativo di Monza. Il marito della vittima è stato interrogato a lungo dagli investigatori che hanno subito accertato la sua estraneità al delitto.

L’uomo non ha saputo dire, però, dove si trovasse il figlio, fuggito senza portarsi dietro nulla, neanche il cellulare e i soldi. Fino alle 15.10 di oggi. Il pm di Monza Alessandro Pepé, che coordina le indagini, ha emesso nei confronti del 21enne un fermo per omicidio. I carabinieri lo hanno eseguito, in attesa dell’interrogatorio di convalida. E dell’autopsia sul corpo della donna, che sarà eseguita nei prossimi giorni. 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here