Volontari presi di mira dai cacciatori che hanno violato il divieto di sparare nelle zone interessate dalle ricerche della piccola Iushra.

Alle difficoltà della perlustrazione in un territorio morfologicamente complicato, si aggiungono quelle derivanti dall’idiozia di chi, ignorando i divieti, si è messo a cacciare nell’area delle ricerche: alcuni dei tanti volontari impegnati nelle ricerche della piccola Iushra sono stati presi a fucilate perché scambiati per prede.

Avviene nella vasta area tra Serle e Botticino interessata, da mercoledì nella seconda campagna di ricerca della piccola Iushra, scomparsa lo scorso 19 luglio. Nonostante le ordinanze che vietano di sparare nelle zone delle ricerche, qualche cacciatore ha sparato all’indirizzo dei volontari, fortunatamente senza colpire nessuno.

Oltre a ciò, sono da registrare purtroppo anche dei colpi sparati all’indirizzo di un drone dei Vigili del fuoco utilizzato per perlustrare dall’alto l’altopiano. Nel frattempo, della piccola Iushra non c’è alcuna traccia.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here