Per la giornata numero 28 del campionato di Serie A allo stadio Dall’Ara il Bologna perde 0-1 contro l’Atalanta. La partita vede molte emozioni da entrambe le parti, ma si sblocca solo al minuto 83 con il gol di De Roon. Così l’Atalanta si avvicina alla zona Europa League, approfittando della sconfitta della Sampdoria; il Bologna invece, pur rimanendo a metà classifica, viene contestato dalla curva perché non ottiene risultati.

Le formazioni:
Bologna (3-5-2): Mirante; De Maio, Helander, Romagnoli; Di Francesco (60′ Krafth), Donsah, Pulgar, Dzemaili (28′ Nagy), Masina; Verdi, Avenatti (74′ Destro). All. Donadoni
Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Masiello; Castagne, De Roon, Freuler, Spinazzola; Cristante (80′ Barrow); Petagna (59′ Cornelius), Gomez (62′ Ilicic). All. Gasperini

La partita inizia con il minuto di silenzio per la scomparsa di Davide Astori, capitano della Fiorentina e giocatore della Nazionale, con il sottofondo della canzone di Lucio Dalla, “Le rondini”. L’inizio è a favore dei padroni di casa con Simone Verdi che manda di poco a lato un calcio di punizione dopo undici minuti di gioco. La squadra di Donadoni continua il suo momento con Avenatti, ma Berisha è attento a tenere la porta inviolata. I neroazzurri si vedono solo alla fine del primo tempo: prima Masina che viene fermato da un difensore avversario sulla linea di porta, poi il Papu Gomez che si divora un’occasione in contropiede con la palla che sfiora il palo. Il secondo tempo non ha le stesse emozioni del primo. L’unica vera chance si trasforma in gol: è una prodezza di De Roon a portare avanti l’Atalanta dopo 83 minuti di gara. I bergamaschi vorrebbero consolidare il vantaggio e cercano il gol in altre due occasioni. Il subentrato Ilicic buca la difesa avversaria, ma Mirante è bravo a respingere; poi a provarci c’è il difensore Toloi, però anche questa volta Mirante si fa trovare pronto. Al termina della partita la squadra del Bologna viene fischiata dai tifosi, che vogliono tonare a vincere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here