Sergio Mattarella a Biden: “Uniti contro la crisi”

0
546
Sergio Mattarella scrive a Biden

Le elezioni USA hanno monopolizzato l’attenzione di mezzo mondo negli ultimi giorni e finalmente hanno un vincitore: Joe Biden. Dopo uno scontro serrato e non privo di sensazionalismi, il 46° presidente degli Stati Uniti può insidiarsi. Appresa la notizia, Sergio Mattarella si è subito congratulato con il neo eletto. Il nostro presidente ha inviato un messaggio in cui parla di responsabilità e del futuro imminente che aspetta i governi di tutto il mondo.

Cos’ha detto Sergio Mattarella?

Nel suo messaggio diretto a Joe Biden, Mattarella ha esordito con le congratulazioni di rito. Ha poi continuato dicendo che la comunità internazionale necessita del contributo statunitense. Un contributo fondamentale per affrontare una crisi che sta mettendo a repentaglio la salute, la vita e l’avvenire di milioni di persone. Il ruolo degli USA, per il nostro presidente della Repubblica, potrebbe essere decisivo per risolvere la crisi che ci attanaglia.

L’importanza degli USA per Sergio Mattarella

Per Mattarella Italia ed USA potranno consolidare i legami di profonda e radicata amicizia. Uniti nel nome dei comuni valori di libertà, giustizia e democrazia, si può battere la crisi. L’amicizia che lega i nostri governi è da sempre basata su una collaborazione tesa a promuovere i valori della sicurezza, della stabilità internazionale e dello sviluppo economico e del progresso sociale. C’è bisogno di unità e di una comune visione se si vuole uscire da questo momento di terribile crisi mondiale.

La cooperazione tra Roma e Washington

“Auspico che la imminente Presidenza italiana del G20 possa concretamente rappresentare un’ulteriore occasione di sviluppo della cooperazione fra Washington e Roma”, continua Mattarella. “In attesa di poterLa incontrare, e nel piacevole ricordo della nostra colazione in occasione della mia prima visita a Washington da Capo dello Stato, invio a Lei e alla Sua famiglia i più calorosi auguri per un proficuo svolgimento del Suo Alto mandato”.