Sergey Lavrov: “Russia colta di sorpresa dall’entità delle sanzioni”

0
722
Sergey Lavrov

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha ammesso che le sanzioni contro Mosca in risposta all’attacco non provocato all’Ucraina hanno colto la Russia, i suoi leader e i suoi oligarchi alla sprovvista. “Nessuno avrebbe potuto prevedere” che le sanzioni occidentali avrebbero preso di mira la banca centrale del Paese. Dunque i commenti di Lavrov segnano la prima volta che un funzionario russo ammette l’impreparazione del Cremlino alla risposta occidentale.

Sergey Lavrov: cosa ha dichiarato il ministro russo?

La guerra russo-ucraina del 2022 non è solo un grande evento geopolitico, ma anche una svolta geoeconomica. Le sanzioni occidentali sono le misure più dure mai imposte contro uno stato delle dimensioni e della potenza della Russia. In meno di tre settimane, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno tagliato fuori le principali banche russe dal sistema finanziario globale. Bloccato l’esportazione di componenti high-tech con gli alleati asiatici. Sequestrato i beni d’oltremare di centinaia di ricchi oligarchi. Revocati anche i trattati commerciali con Mosca e bandito le compagnie aeree russe dallo spazio aereo del Nord Atlantico. Inoltre si è limitato le vendite di petrolio russo agli Stati Uniti e al Regno Unito. E bloccato tutti gli investimenti esteri nell’economia russa dalla loro giurisdizione. Congelati $ 403 miliardi sui $ 630 miliardi di attività estere della Banca centrale russa. “Quando le riserve della Banca centrale sono state congelate, nessuno avrebbe pensato, tra coloro che hanno fatto previsioni, a questo genere di sanzioni da parte dell’Occidente”. Ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov agli studenti e al personale dell’Istituto statale per le relazioni internazionali di Mosca. “E’ un furto” ha poi aggiunto.

Sanzioni senza precedenti

Le sanzioni occidentali alla Russia in risposta all’invasione dell’Ucraina sono senza precedenti. A pochi giorni dall’attacco di Putin, iniziato il 24 febbraio, UE, USA, Regno Unito e Canada hanno imposto sanzioni radicali e coordinate. Congelando i depositi esteri della banca centrale russa. Tuttavia è la Cina a detenere la maggior parte delle riserve estere russe. Sebbene Francia, Germania e Regno Unito detengano insieme più di un quarto, nel 2021. Secondo la società di ricerca di dati Statista. Le misure hanno lasciato la banca centrale incapace di accedere a circa la metà delle sue riserve di oro e valuta estera da $ 630 miliardi, per mitigare l’impatto di altre sanzioni. E, in aggiunta ad altre misure come la disconnessione delle banche russe da SWIFT, hanno causato un precipitoso crollo del valore del rublo.


Leggi anche – Guerra in Ucraina: UE valuterà embargo petrolifero russo