Serena Greco, un devastante incidente le stronca la vita

0
604
Serena Greco

Serena Greco donna di trentotto anni muore a Roma a seguito di un devastante incidente. Serena è morta pochi minuti dopo il suo ingresso al pronto soccorso del policlinico Umberto I. Prima del catastrofico incidente invia un messaggio al marito: ” Sto tornando a casa ”. Numerose le foto delle telecamere ed indagini, per rintracciare un’auto coinvolta che si è dileguata.

Serena Greco donna trentottenne ha persona la vita il 23 Ottobre nella città di Roma a seguito di un devastante incidente. Il grave incidente le ha portato via la vita. A nulla è servito l’aiuto dei medici dell’Umberto I. Serena Greco originaria di Salerno morta alle 16.30 di venerdì in un incidente stradale all’angolo tra corso Trieste e via Nomentana. La Polizia Locale con gli Agenti del gruppo Parioli eseguono una serrata indagine. Riescono così a rintracciare ” l’auto grigia ” sospettata, fuggita dopo l’incidente mortale. Serena prima dell’incidente è a bordo del suo motorino. L’auto ad esser stata ritrovata è una Mercedes, in zona Tuscolano. Alla guida un ucraino di trentacinque anni con patente e permesso di soggiorno scaduti, senza assicurazione.

Secondo i rilievi scientifici sembrerebbe che al momento la Mercedes non abbia un ruolo determinante alla catastrofe. Viste le mancanze amministrative non è da escludere la possibilità che l’uomo abbia scelto di abbandonare Corso Trieste per non farsi identificare. Nelle ultime foto di Serena, appare assieme ai figli e al marito Alessandro, una donna felice.


Roma – Muore giovane mamma in un incidente con lo scooter


Serena Greco, quali sono i veicoli coinvolti?

Durante il catastrofico incidente sono in totale quattro i veicoli coinvolti. Il Liberty era guidato da Serena Greco trasportata dal 118 al Policlinico Umberto I, deceduta poco dopo il ricovero. L’uomo alla guida del secondo scooter è in codice rosso al San Giovanni. I due mezzi rimanenti sono autovetture. Una situazione raccapricciante, ai limiti dell’immaginazione. La prima auto si mostra con un parabrezza fracassato. La seconda auto è momentaneamente irreperibile, non si hanno notizie a seguito dell’impatto. Siamo a caccia dell’automobilista. La polizia locale del Gruppo Parioli sta indagando a fondo per ricostruire un’esatta dinamica dell’incidente tra corso Trieste e via Nomentana.


Tivoli (Roma) – Tragico incidente sull’A24 fra auto: un morto e feriti


Le parole della Federazione Italiana Scherma

Alessandro Di Agostino è il marito della vittima, un maestro di scherma. Anche a lui arrivano parole di cordoglio da parte della Federazione Italiana Scherma: ”La scomparsa di Serena lascia attonita e sconvolta la grande famiglia della scherma italiana, che rimane orfana di un sorriso sempre acceso. Dopo aver calcato le pedane da atleta e poi anche da arbitro, trasferitasi a Roma per seguire il marito, ha curato a lungo la segreteria del Club Scherma Roma. Una notizia che non avremmo mai voluto leggere. Che tragedia”. Nell’anno 2016 Serena Greco accompagna il marito alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. 

Prima della morte Serena Greco sente il marito Alessandro

E’ avvenuto pochi minuti prima della sua morte. Serena ha contattato il marito Alessandro. La donna aveva terminato il turno lavorativo nella sede Caf, per dirigersi verso casa casa. Serena scrive un messaggio ad Alessandro: ” Sto tornando a casa ”. La donna non ha mai fatto rientro nella sua abitazione. Un tragico evento per un’intera famiglia e per molte altre. L’uomo saputa la notizia si reca immediatamente sul posto dell’incidente, ad aspettarlo un abbraccio degli operatori sanitari. Non c’è più nulla da fare.


Arzago d’Adda (Bergamo) – Tragico incidente sulla Sp 185: gravi due giovani


Renzo Musumeci Greco: Presidente della storica Accademia Musumeci

Renzo Musumeci Greco è il Presidente della Storica Accademia Musumeci. ”Sono amico della coppia da decenni. l mondo della scherma è abbastanza piccolo e Alessandro, il marito di Serena, in quanto maestro della nazionale di sciabola è ben conosciuto. È una disciplina competitiva, ma fuori dalla pedana si è tutti amici e lui è un compagnone. La sua vita era a metà tra scherma e famiglia. Non ho ancora avuto il coraggio di chiamarlo, ma stanotte non ci ho dormito. Dalle 18 di ieri nelle chat del mondo della scherma cominciavano ad arrivare i primi messaggi con questa drammatica notizia. Nessuno ci voleva credere. Presto in tv faremo un duello di scherma dedicato a Serena”.

Commenti