Serbia e Montenegro scontro frontale riguardo l’assemblea di Podgorica

Serbia e Montenegro si scontrano su questioni storico politiche

0
290
Serbia e Montenegro ue

Il Ministero degli Esteri della Serbia ha chiesto all’ambasciatore del Montenegro, Tarzan Milosevic, di lasciare il Paese. Questa è stata la reazione del Ministero degli Esteri serbo a una decisione simile del Montenegro nei confronti dell’ambasciatore serbo. La decisione del Ministero degli Esteri è pubblicata sul suo sito web. Il 28 novembre il Ministero degli Affari esteri del Montenegro ha dichiarato l’ambasciatore serbo Vladimir Bozovic persona non gradita e gli ha chiesto di lasciare il Montenegro. Il motivo sono state le parole del diplomatico sulla legittimità dell’Assemblea di Podgorica del 1918.

Perché Serbia e Montenegro si sono scontrati su una questione storica?

L’Assemblea dei rappresentanti del popolo del Montenegro nel novembre 1918 si chiamava Assemblea di Podgorica. A quel tempo si trattava di restaurare l’indipendenza del Paese, perduta durante la prima guerra mondiale. Di conseguenza, l’Assemblea ha deciso di unirsi alla Serbia in un unico Stato. Seguì la formazione del Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, ufficialmente ribattezzato Regno di Jugoslavia nel 1929. L’ambasciatore serbo annunciò la “liberazione” del popolo montenegrino nel 1918. Cosa che provocò lo scandalo diplomatico. Come è noto, il rappresentante serbo si riferiva all’unione che si è conclusa tra la Serbia e il Montenegro nel 1918. Secondo lui, l’iniziativa ha contribuito a “liberare” il popolo montenegrino.

Entrambi i paesi sono candidati ufficiali all’adesione in UE

Il Ministero degli Esteri montenegrino ha indicato che nel 2018 il Parlamento montenegrino ha rovesciato la decisione dell’Assemblea di Podgorica. Motivo per cui le dichiarazioni dell’ambasciatore serbo sulla sua legittimità hanno umiliato il Parlamento montenegrino. Non soddisfano gli standard della diplomazia. In risposta, il Ministero degli Esteri serbo ha dichiarato l’ambasciatore montenegrino persona non gradita e gli ha dato 72 ore per lasciare la Serbia. Nell’inverno del 2018, la Commissione europea ha riferito che tra i paesi dell’ex Jugoslavia, la Serbia e il Montenegro erano i più vicini all’adesione all’UE. La commissione ritiene che potrebbero entrare a farne parte nel 2025. La Serbia ha ricevuto lo status di candidato ufficiale all’adesione in UE nel 2012 e il Montenegro nel 2010. Da allora, entrambi i paesi hanno allineato la loro legislazione ai requisiti europei.


Albania e Serbia creano un nuovo Schengen


Commenti