Senzatetto a Los Angeles canta Puccini

Un donna senzatetto con ammirevoli competenze musicali incanta Los Angeles

0
707

Sulla pagina Facebook della polizia di Los Angeles, dall’acronimo suggestivo e cinematografico LAPD, fra notizie locali, gattini salvati in autostrada, commemorazioni di poliziotti e fatti quotidiani, il 27/09/2019 compare il video di una donna bionda che incanta la metropolitana di Los Angeles intonando alla perfezione “Oh babbino caro” di Puccini.

4 million people call LA home. 4 million stories. 4 million voices…sometimes you just have to stop and listen to one, to hear something beautiful.

Pubblicato da LAPD Headquarters su Giovedì 26 settembre 2019
Pagina Facebook LAPD

Un voce angelica e cantata troppo bene per essere solo una senzatetto con una buona intonazione naturale. Il video presentato con questa parole.

4 million people call LA home. 4 million stories. 4 million voices…sometimes you just have to stop and listen to one, to hear something beautiful.

Traduzione: “4 milioni di persona chiamano Los Angeles casa. 4 milioni di storie, 4 milioni di voci… a volte basta fermarsi e ascoltarne una di queste per ascoltare qualcosa di bello”. Presentazione del video sulla pagina dell’LAPD

Indagando si è infatti scoperto che si tratta di Emily Zamourka, una donna emigrata circa 30 fa dalla Russa, di 52 anni, con una solida formazione musicale classica. Ha sempre suonato e impartito lezioni di musica, prima che gravi problemi di salute l’hanno costretta a spese sanitari che l’hanno ridotta sull’astrico e su una strada. Tralasciando questo annoso problema americano ci auguriamo che la sua voce di angelo possa arrivare a qualcuno che, almeno per amore della bella musica, la tolga dalla metropolitana e dalla strada, ridando dignità ad una donna, artista, di questo livello.

Emily ha raccontato di avere anche spesso suonato il violino per strada, ma di essersi interrotta in seguito ai furti dei suoi tre violini proprio durante le esibizioni.

Noi pubblichiamo Emily dandole tutto il nostro caloroso in bocca al lupo.