Senso di marcia: dove si guida a sinistra?

In quali Paesi c'è la guida a sinistra e perché in Italia si è deciso negli Anni '20 di passare al senso di marcia a destra.

0
153
Senso di marcia a sinistra
Auto con volante a destra.

Il senso di marcia a sinistra, chiamato anche “guida al contrario” nel linguaggio comune, è presente in diversi Paesi. Ovviamente, per chi (come noi italiani) è abituato alla guida a destra, ciò vuol dire che tutte le manovre da effettuare in auto sono all’opposto rispetto alle abitudini quotidiane. In Italia è sempre stato così? E quali sono gli Stati in cui c’è attualmente il senso di marcia sulla sinistra?

Quando il senso di marcia era a sinistra anche in Italia

Tra le differenze alle quali bisogna abituarsi subito quando ci si trova in un Paese con la guida a sinistra, ricordiamo innanzitutto la leva della marcia e quella del freno a mano con il braccio sinistro, il sorpasso a destra, il senso orario delle rotonde e l’uscita svoltando sul lato mancino. In Italia, quando cominciarono a circolare le prime automobili, ogni provincia poteva decidere autonomamente il senso di marcia da adottare. Tutto ciò però generò un po’ di confusione e, per far fronte all’aumento degli incidenti cittadini, si preferì cambiare e adottare la guida a destra. La riforma la rese obbligatoria nel 1923, ma poi fu concessa una proroga per dare il tempo di cambiare la segnaletica e di introdurre tutte le modifiche volte alla sicurezza. A Roma, per esempio, il senso di marcia a destra scattò nel 1924, mentre Milano fu pronta a partire dal 1926.

Perché conviene affittare macchine elettriche con noleggio a lungo termine

In quali Paesi c’è la guida a sinistra?

Storicamente, sembra che il senso di marcia a sinistra fosse già presente nel periodo militare. In quell’epoca, infatti, le milize dovevano mantenere la marcia mancina per avere modo di estrarre la spada più facilmente con la destra, considerata la mano forte. Tornando alle vetture, la cosiddetta “guida al contrario” è tradizionalmente adottata nel Regno Unito e in Australia. Tuttavia, pare che questo senso di circolazione sia presente in un terzo dei Paesi del mondo, la maggioranza dei quali sono ex colonie inglesi. Ecco l’elenco completo.

  • Australia
  • Cipro
  • Giappone
  • Hong Kong
  • India
  • Indonesia
  • Irlanda
  • Maldive
  • Malta
  • Nuova Zelanda
  • Regno Unito (tranne Gibilterra e territorio britannico dell’Oceano Indiano)
  • Sud Africa