Selvatica: il festival biellese d’arte e natura

La rassegna presenta artisti internazionali e il territorio biellese

0
407
Selvatica
Red fox (Vulpes vulpes). Valsavarenche, Gran Paradiso National Park, Valle d'Aosta, Italy

Biella, Città Creativa UNESCO, dal 19 marzo al 26 giugno, ospiterà la nona edizione di Selvatica – Arte e Natura in Festival. L’evento racconta la bellezza del territorio attraverso artisti, fotografi, creativi e ricercatori. Saranno proposte mostre di pittura, fotografia, scultura, laboratori e conferenze. La rassegna si svolgerà nella storica cornice di Biella Piazzo, nei tre Palazzi Gromo Losa, Ferrero e La Marmora.


Biella Città creativa Unesco per il tessile


Perché Biella organizza la rassegna Selvatica?

Il festival è progettato da Palazzo Gromo Losa e ideato da Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e E20Progetti. Una delle poche manifestazioni nel panorama italiano che si occupa totalmente di natura e ambiente in tutte le declinazioni. Quindi un evento che stimola una riflessione collettiva sui temi proposti e l’importanza di educare le nuove generazioni alla tutela dell’ambiente. Selvatica è un’occasione per conoscere il biellese, un territorio tra Milano e Torino ricco di storia, bellezze naturalistiche, innovazione e proposte culturali. Franco Ferraris, Presidente dell’Istituzione CRB parla della manifestazione.  “Un appuntamento importantissimo perché rappresenta un riuscito connubio tra arte e territorio. La bellezza della natura è rappresentata in tutte le sue forme artistiche e resa accessibile ai più giovani. In un anno che speriamo possa rappresentare il punto di rinascita dopo il lungo inverno della pandemia siamo dunque lieti di aprire le porte del Polo del Piazzo ai visitatori”.

Gli appuntamenti a Palazzo Gromo

L’edificio storico ospiterà On Assignment. Una vita selvaggia che presenta le immagini dei reportage realizzati da Stefano Unterthiner. Sono scatti del periodo 2006-2017 su commissione di National geographic magazine. Una retrospettiva che invita il pubblico a scoprire il mondo della fotografia naturalistica provando a raccontare il nostro rapporto con la natura e le altre specie. Inoltre, sarà ospitata un’anteprima dell’ultimo grande progetto del professionista, il reportage di un anno trascorso alle Svalbard. Si tratta di una testimonianza emozionante e appassionata che segue il ritmo delle stagioni e ha portato alla realizzazione del libro Un mondo diverso.

Le altre iniziative

Palazzo Gromo Losa accoglierà inoltre una personale dell’artista Silvia De Bastiani, originaria di Feltre. Nel 2020 con l’acquerello Dolomiti, Pale di San Martino, dipinto en plein air in quota, ha vinto la seconda edizione del Concorso Be Natural/Be Wild. L’iniziativa era indetta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella in occasione di Selvatica 2020. La mostra propone opere ispirate al territorio biellese, boschi e cime di montagne, che la pittrice ha realizzato dal vero nell’autunno 2021.
Tra giardino, spazi esterni e salette interne dell’edificio saranno esposte le sculture dell’artista italiana di padre americano Jessica Carroll. Dagli anni ’80 lavora sul tema delle api e della natura in generale creando installazioni di grande suggestione. Sin dall’infanzia esplora i grandi parchi statunitensi per osservare la natura e chi la vive con tutti i sensi all’erta. Curiosa lettrice sviluppa attraverso scenografici lavori alcuni degli eventi naturali ancora intrisi di mistero, capaci, però di muovere mandrie e stormi. Il suo è un linguaggio all’avanguardia, condotto da un’eleganza innata con cui sa raccontare storie originali.

Animali e mimesi a Selvatica

Infine, sempre Palazzo Gromo Losa sarà la sede di KRYPTÒS. Inganno e mimetismo nel mondo animale. L’esposizione scientifica è a cura di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli. Un percorso che permette di osservare dal vero le straordinarie strategie adottate dalle diverse specie di animali. Livree sorprendenti sono presentato all’interno di grandi terrari arredati che riproducono l’ambiente naturale delle specie ospitate.

Palazzo Ferrero e i concorsi creativi

Anche in quest’edizione, torna Glanzlichter, il più grande concorso di fotografia naturalistica della Germania e uno dei più importanti d’Europa. Un’iniziativa a cui ogni anno partecipano migliaia di appassionati dell’obbiettivo. Un viaggio in tutto il mondo attraverso una selezione unica di magnifiche immagini, da paesaggi ad animali in natura. Palazzo Ferrero ospita le opere di Nuvolosa – il festival del fumetto a Biella, kermesse organizzata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili di Biella. Collabora l’associazione culturale Creativecomics di Vercelli, per la prima volta in partnership con Selvatica. Il tema del Premio, concorso artistico nazionale per giovani tra i 16 e i 35 anni, sarà La Natura che verrà. In programma pure la collettiva del Fotoclub Biella con una selezione dei più suggestivi scatti a tema naturalistico dei soci del sodalizio.

Selvatica è anche alberi e cura del suolo

Nelle sale di Palazzo Ferrero è esposta l’installazione collettiva l’Albero degli Alberi a cura dell’Associazione italiana per l’Arte Naturalistica. Il lavoro rappresenta un albero composto da trentadue riquadri, uno per partecipante al progetto, in cui ogni artista ha rappresentato fogliame, fiori e frutti di piante provenienti da quattro continenti. L’opera, presentata alla Serra Espositiva dell’Orto Botanico di Roma nel 2019, viaggia per portare il messaggio di attenzione alla Natura e all’Arte.

Keisei Kobayashi a Palazzo La Marmora

Selvatica si svolgerà anche a Palazzo La Marmora che ospiterà la personale di un esponente della grafica d’arte contemporanea, il maestro Keisei Kobayashi. Capostipite di una visione onirica dell’espressione, l’artista è autore di composizioni di grande suggestione in cui uomo e natura, città e foreste, convivono in armonia ed equilibrio. I suoi capolavori offrono scoperte continue: edifici, piante, fiori e animali che spuntano da elementi architettonici, foglie e bestie. Le opere sono incise su legno, in silografia, la più arcana e complessa delle tecniche incisorie. In mostra una selezione di 10 creazioni prodotte dal 1984 al 2021 che ripercorrono l’intera carriera.

Il Concorso di pittura Be natural/Be wild

Lo Spazio cultura della Fondazione CRT ospiterà invece le opere dei finalisti del Concorso Nazionale di Pittura Be Natural/Be Wild. Un’iniziativa rivolta a pittori e disegnatori maggiorenni, italiani e stranieri, residenti in Italia, desiderosi di dar voce al mondo naturale che li circonda. Partecipano all’organizzazione dell’evento Nord Ovest Naturae photo contest, E20Progetti, WWF Oasi e Aree Protette piemontesi e pure Associazione Stilelibero. Il concorso premia infatti le migliori immagini scattate nei territori di Piemonte, Lombardia, Liguria e Valle d’Aosta. Quindi un’opportunità per conoscere e valorizzare la natura e i variegati ambienti che caratterizzano l’Italia centro-occidentale. Ci sarà anche una sezione speciale dedicata all’Oasi Zegna.

Rik, il logo di Selvatica

La rassegna ha un nuovo logo realizzato da “Rik”, il famoso illustratore alessandrino Riccardo Guasco. Il creativo ha scelto di rappresentare un uomo che osserva attraverso una cornice la natura e la bellezza e che rappresenta proprio lo spirito di Selvatica. Il festival infatti è un filtro con cui osservare il mondo con le arti visive in dialogo con la bellezza della natura. L’evento sarà inaugurato venerdì 18 marzo alle 17; la partecipazione è però su invito. Le mostre e gli appuntamenti sono aperti sabato e domenica dalle 10 alle 19.