Se vedi una farfalla viola, amala

0
463
farfalla viola

Una farfalla viola posata in una culla, forse vi è capitato di vederla in ospedale. Vi siete posti il perché?
Un segno una vita volata in alto ,come le ali di una farfalla.
Il tutto comincia con Milli Smith e il suo compagno Lewis Cann, felici di una maternità attesa aspettata e voluta da tempo: due gemelli!
Una gioia ed una preoccupazione: nella famiglia di Milli erano già avvenute nascite gemellari, solo che ogni volta ne rimaneva uno solo.
Milli e Smith hanno vissuto ogni attimo della gravidanza nell’attesa del grande giorno godendosi al meglio il loro frutto d’amore; purtroppo alla 12esima settimana furono informati che Skye non sarebbe sopravvissuta.
Milli una futura mamma, forte che non volle essere diversa, pretese che tutti la trattassero con normalità.
Fu preparata psicologicamente all’evento, spiegandole che la piccola sarebbe vissuta solo pochi minuti: ma Skye volle vivere per tre ore, sono poche ma molte intense e tenere emozioni poi volò come una farfalla in cielo.
Accanto alla sorellina Collie, Milli mise una farfalla viola.
bimba
Una mamma che porta in grembo un figlio, già lo ama, già lo sente vivere in ogni attimo dentro di sé, ogni domanda fatta o ogni espressione infelice anche non voluta, provoca dolore nella perdita, così come è successo a Milli.
Colpita dal dolore trovò il modo di comunicarlo a tutti, posando un segno: “una farfalla viola”.
Non servono parole ne commenti e ne domande in certi eventi.
farfalla
Si ha bisogno di silenzio e rispetto e molto amore ,lasciando il posto al tempo e di una vita apparentemente normale.
Il Kngston Hspital nel Regno Unito, ha deciso di esporre e utilizzare la farfalla viola,come mi auguro che in ogni parte del mondo diventi un simbolo.

Commenti
Previous articleAlfa Romeo torna in Formula 1 dopo 32 anni
Next articleDomenica al via la Formula-E
Rosanna Romano, Artista nata a Gussago Brescia e vivo a Brescia. Amo dipingere, nasco autodidatta ,poi ho sentito il bisogno di approfondire le tecniche! socia artista in associazione culturale AAB i miei maestri ed artisti splendidi, Amos Vianelli e Enrico Schinetti con cattedra al S.Giulia. Ho partecipato a numerose mostre ottenendo ottimi commenti! ed articoli su quotidiani. Con Piero Tramonta e Bruno Rinaldi ,artisti di fama internazzionale ho partecipato con loro al primo sodalizio fra tennis e arte, agli internazzionali di tennis della città di Brescia 2016 presentata da Floriano De Santis come artista contemporanea nella realtà Bresciana. Conosciuta artista a Barletta e Roma.