Scuola missionaria di Cirene: dipinti in stile decorativo

La mostra presenta i lavori che fanno parte di una collezione rinvenuta nella St. Michael's and All Angels Church a Londra

0
267
Scuola missionaria di Cirene
L'entrata della scuola missionaria di Cirene

Una mostra di artisti neri che tra 1940 e 1950 frequentano la scuola missionaria di Cirene in mostra alla National Gallery di Harare. Un percorso che presenta le opere realizzate dagli studenti dell’istituto che insegna arte ai neri nello Zimbabwe dominato dai bianchi. Canon Ned Patterson è una delle persone che ha contribuito a diffondere la cultura della bellezza nel paese, convinto che pittura e scultura possano unire gli individui.


Arthur Jafa e la Blackness statunitense a OGR Torino


Che tipo di opere hanno realizzato gli studenti della scuola missionaria di Cirene?

La scuola dello Zimbabwe coloniale, attiva ancora oggi solo per ragazzi, è situata in un ambiente naturale vario e colorato che ha ispirato l’immaginazione visiva degli studenti. Infatti, gli allievi realizzano opere che si distinguono per le lussureggianti e ampie distese di pennellate e uno stile decorativo. Spesso traducono temi cristiani occidentali in immagini africane. Gli artisti neri creano una connessione coi loro paesaggi indigeni e reimmaginano i miti locali e le narrazioni bibliche come li vedono personalmente.

Gli allievi della missione

La scuola si rivolge anche a studenti disabili che sono incoraggiati a concentrarsi sull’arte come terapia personale. Poteva essere anche un possibile percorso verso una carriera professionale. Cyrene produce un sorprendente pedigree di artisti, studiosi e professionisti neri. Frequentano la missione Adomech Moyo che diventa il primo insegnante nero di terapia occupazionale in Africa meridionale e Livingstone Sango poi un importante tassidermista al Museo di Storia Naturale. William Mariwi si specializza dell’iconografia religiosa e Randford Sililo è incaricato di dipingere tre grandi murales al Livingstone Museum.

The Stars are bright

La mostra che prosegue fino a ottobre presenta una collezione ritrovata di straordinari dipinti e disegni di oltre quaranta giovani artisti dello Zimbabwe. Alcune opere della scuola di Cirene realizzate tra il 1940 e il 1947 è inviata a Londra, Parigi e New York e alcuni dipinti sono venduti e hanno contribuito a finanziare la missione. Altri lavori sono conservati nel seminterrato della St. Michael’s and All Angels Church nella capitale inglese e adesso trovate da uno zimbabwese. Le creazioni sono tornate in Africa dove hanno allestito un’esposizione. Gli organizzatori stanno negoziando con Curtain Foundation, i proprietari della collezione, per il rimpatrio permanente delle opere.