Scoperto un carro da parata a Civita Giuliana

0
446
Carro

Pompei non smette mai di stupirci. Qualche ora fa, è giunta la notizia di un nuovo ritrovamento archeologico. Avvenuto in una villa suburbana. Più precisamente nella località Civita Giuliana. A nord di Pompei, dunque. Da quanto si legge sul sito ufficiale, si tratta di un carro da parata. Di cui si sta ancora cercando di capire la funzione. Si ipotizza che fosse destinato al culto di Cerere e Venere. Oppure a una cerimonia di nozze.

Cosa si sa sul carro da parata?

La risposta a questa domanda giunge proprio da Massimo Osanna. Ovvero il direttore uscente del Parco archeologico. “Si tratta di un carro cerimoniale, probabilmente il Pilentum noto dalle fonti“. È ciò che si legge sul sito ufficiale de Parco archeologico di Pompei. Il Pilentum veniva, dunque, utilizzato durante le cerimonie. Dall’élite del tempo. Il Pilentum è un carro a quattro ruote. Quest’ultime erano piuttosto alte e in ferro. La parte principale dei Pilenta era il cassone. Che risultava molto leggero. Su di esso vi si trovava la seduta. Decorata con braccioli e schienale metallici. Infine, su un Pilentum potevano sedere una o due persone.

Il carro da parata trovato a Pompei presenta molte decorazioni. Quest’ultime rivestono i due lati lunghi del cassone. E ad esse si alternano lamine di bronzo intagliate. Oltre che a rivestimenti di legno neri e rossi. Le decorazioni sul retro del cassone sono, invece, più complesse. Esse prevedono tre distinti registri. In cui si succedono una serie di medaglioni di bronzo. “Le scene dei medaglioni […] rimandano all’eros (Satiri e ninfe)“. Ha affermato Massimo Osanna. Prendendo sempre in riferimento ciò che si legge sul sito ufficiale. “Le numerose borchie presentano eroti“. Ha continuato il direttore uscente. Ciò ha fatto nascere un’ipotesi circa il carro. Ovvero che esso sia stato utilizzato per una cerimonia nuziale. Per esempio, per condurre la sposa alla nuova casa.


Restauro a Pompei: altro tesoro sottratto al tempo

Pompei, scoperta archeologica: trovati due corpi intatti


Un unicum in Italia

È la prima volta che, in Italia, si trova un Pilatum. A Pompei sono stati trovati vari veicoli per il trasporto. Come, per esempio, quello scoperto nella casa di Menandro. Oppure i due carri trovati a Villa Ariana. Nessuno di essi è, però, paragonabile al carro da parata rinvenuto a Civita Giuliana. Si tratta, dunque, di “Un unicum in Italia“. Citando Osanna. Il quale afferma che carri simili sono stati rinvenuti solo all’estero. Riferendosi ai resti scoperti quindici anni fa in Tracia. Dunque, tra l’attuale Grecia settentrionale e la Bulgaria. Uno di questi carri sarebbe simile a quello rinvenuto a Civita Giuliana. Solo che il Pilatum di Tracia è privo di decorazioni. Anche il ministro della cultura, Dario Franceschini, ha espresso il proprio entusiasmo per la scoperta. Affermando che Pompei continuerà a stupirci. Considerato che mancano ancora venti ettari da scavare. E non ci rimane da sperare che sia così.