Via libera agli scooter 125 in autostrada e tangenziale per i maggiorenni, no al divieto di fumare in auto, provvedimenti più severi per chi viene sorpreso con il cellulare in mano: ecco le riforme del Codice della strada

Gli scooter 125 potranno circolare su autostrade e tangenziali anche in Italia, come avviene in tutti i Paesi europei, a patto che il conducente sia maggiorenne.

A prevederlo è il testo base della riforma al Codice della strada, che dovrà essere presentato e approvato nelle prossime settimane in Parlamento.

La maggioranza ha infatti trovato un’accordo su molte modifiche da apportare, mentre per i nodi da sciogliere c’è ancora tempo fino a inizio maggio, periodo in cui il testo dovrebbe approdare alla Camera.

Oltre alla svolta sugli scooter 125, quali sarebbero le altre novità?

Provvedimenti per chi circola con il cellulare in mano

Non mancherà il divieto di circolare con il telefono in mano, pena la sospensione della patente da una settimana fino a sette, mentre se la violazione è reiterata la pena sale da un mese fino a tre.

Le multe previste per tale violazione vanno dai 422 ai 1.697 euro.

Assicurazione scaduta

Raddoppiano le sanzioni anche per chi è in possesso di un’assicurazione scaduta.

E’ inoltre prevista una stretta sui controlli agli automobilisti. La polizia potrà infatti sottoporre il conducente al test della droga anche se non presenta segni di alterazione.

Parcheggi

Parcheggi gratis sulle strisce blu per coloro che si trovano in condizioni di disabilità. Non sarebbero invece previste le strisce rosa per le donne in gravidanza.

Biciclette

Viene introdotta la possibilità di andare in bici contromano e si valuta l’inserimento di uno spazio apposito per i ciclisti davanti agli stop e ai semafori. Sulla materia tuttavia verrà lasciata ampia discrezionalità ai Comuni.

Limite 150 km/h in autostrada

Non c’è ancora accordo sull’innalzamento del limite di velocità in autostrada. La Lega sarebbe infatti favorevole all’aumento del limite di velocità fino a 150 km/h su strade a tre corsie, mentre il M5S sembrerebbe contrario a questa eventualità.

Divieto di fumo

Il M5S ha invece ceduto sul divieto per il conducente di fumare in auto.

Il testo della riforma sarà recapitato a tutti i gruppi parlamentari nelle prossime settimane, dando la possibilità alle opposizioni di proporre delle modifiche.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here