Sconfiggere l’inerzia del sonno e iniziare la giornata con meno fatica

0
878
inerzia del sonno

Ripensa a come ti sei alzato dal letto questa mattina: ti sei svegliato senza la sveglia, pronto ad affrontare la giornata? O hai malvolentieri premuto snooze solo per svegliarti pochi minuti dopo desiderando di essere ancora addormentato? A quanto pare, quella sensazione di stanchezza mattina che molti di noi conoscono fin troppo bene ha un nome: inerzia del sonno. Ecco cosa ha rivelato la ricerca sulla causa dell’inerzia del sonno e come tenerla a bada.

Cos’è l’inerzia del sonno?

In una ricerca del 2017 giustamente chiamata Waking up is the hardest thing I do all day, “l’inerzia del sonno” è stata definita come “lo stato di transizione tra il sonno e la veglia, caratterizzato da prestazioni compromesse, ridotta vigilanza e desiderio di tornare a dormire”. I ricercatori del sonno non sono del tutto sicuri di cosa causi o intensifichi l’inerzia del sonno, ma sospettano che abbia qualcosa a che fare con il ritmo circadiano del corpo, noto anche come il nostro orologio interno. In un piccolo studio sui lavoratori di emergenza che hanno bisogno di essere “on” non appena si svegliano, l’effetto dell’inerzia del sonno è stato testato durante la notte. Dodici lavoratori sono stati svegliati in vari punti della notte e del primo mattino e gli è stato chiesto di risolvere equazioni matematiche.Divertente, no?

Le prestazioni appena svegli

Le loro prestazioni cognitive sembravano essere inferiori quando venivano svegliati durante la “notte biologica”. Quando gli orologi circadiani dei loro corpi dicevano loro che era ora di dormire, indicando che questo orologio può contribuire a intontire e aumentare il tempo di elaborazione. Svegliarsi durante una fase più profonda del sonno, come il sonno REM o il sonno a onde lente, sembra anche contribuire all’inerzia del sonno e portare alla stanchezza mattutina. Il momento ideale per svegliarsi è subito dopo aver completato un ciclo di sonno, perché è allora che il corpo si sentirà più riposato.

Quanto dura?

L’inerzia del sonno è una risposta naturale che può durare da minuti a ore, a seconda della persona. La maggior parte delle persone scoprirà che inizia a svanire entro 15-30 minuti dal risveglio, specialmente se iniziano la loro giornata con una routine mattutina energizzante.


Rise-up: sei step per riattivarsi al meglio dopo il sonno


Come posso sbarazzarmi dell’inerzia del sonno?

Fare una passeggiata mattutina

Dal momento che l’inerzia del sonno è così legata agli spunti di luce, il modo migliore per sconfiggerla è quello di uscire e prendere un po’ di sole come prima cosa al mattino per far capire al tuo corpo che è ora di svegliarsi e iniziare la giornata.

Prendere il magnesio di notte

Quando l’orologio interno è spento, la temuta inerzia del sonno potrebbe essere peggiore. È qui che entra in gioco il magnesio. Come agonista del GABA, il magnesio è un minerale essenziale con importanti azioni rilassanti che aiutano a calmare il corpo e la mente per il sonno. Il magnesio può anche aumentare la melatonina, aiutando a mantenere i nostri ritmi circadiani senza intoppi e, per estensione, alleviando il disturbo. E per esempio, studi clinici di integrazione di magnesio hanno dimostrato che questo minerale migliora non solo il tempo necessario per addormentarsi e la durata complessiva del sonno, ma anche il risveglio al mattino presto.

Attenersi a una routine di sonno coerente

Se si arriva alla fine di una notte di sonno completo, ci si sveglia naturalmente – questo è il modo ideale per svegliarsi”, ha detto Girardin Jean-Louis, professore di salute della popolazione e psichiatria alla New York University. Per abituare il tuo corpo a svegliarsi rinfrescato senza una sveglia, mantenere un’ora per andare a letto e una precisa ora per la sveglia costante è la chiave, anche nei fine settimana.

Stai lontano dal pulsante snooze

Per quanto allettanti possano essere quei 9 minuti in più, gli esperti dicono che premere il pulsante snooze non fa altro che peggiorare il risveglio mattutino. “Quando si preme il pulsante snooze, è più probabile che si cada di nuovo in uno stato di sonno più profondo,” che renderà il risveglio ancora più difficile e l’inerzia del sonno inevitabile.