Sciopero ferroviario in GB: migliaia di persone si ritirano

0
178
Sciopero ferroviario in GB: migliaia di persone si ritirano

Migliaia di persone si sono ritirate nel corso di uno sciopero ferroviario in Gran Bretagna, il maggiore da trent’anni a questa parte. Gli scioperi sono la conseguenza di un forte malcontento da parte dei lavoratori, che chiedono salari più alti sulla scia dell’inflazione.

Sciopero ferroviario in GB: qual è la situazione?

Diverse migliaia di lavoratori si sono ritirati nel primo giorno di sciopero ferroviario in Gran Bretagna, il maggiore da 30 anni. Alcuni dei dipendenti, che sono in totale 40mila, si sono riuniti ai picchetti all’alba, e ciò ha causato non pochi disagi alla rete. Le principali stazioni sono rimaste deserte, e anche la metropolitana di Londra è attualmente chiusa per un altro sciopero. Secondo il primo ministro Boris Johnson, questi scioperi andrebbero a danneggiare le molte imprese che si stanno ancora riprendendo dal Covid. Johnson ha detto al suo gabinetto che gli scioperi “sono sbagliati e non necessari”. Per i sindacati, invece, gli scioperi ferroviari sono solo l’inizio di “un’estate di malcontento”, visto che molti lavoratori spingono per un’azione sindacale che porti ad un aumento dei salari.

La Gran Bretagna è colpita dall’inflazione

La principale ragione dietro a queste azioni sindacali è la richiesta di un aumento degli stipendi in risposta al vertiginoso aumento dell’inflazione, che sembra coinvolgere tutto il continente europeo. L’economia britannica si era inizialmente ripresa dopo l’allentamento delle restrizioni della pandemia. Tuttavia, una combinazione di interruzione della catena di approvvigionamento, inflazione, carenza di manodopera e problemi commerciali post-Brexit ha causato una situazione non poco critica. Le ferrovie britanniche hanno subito un processo di nazionalizzazione durante la pandemia. Le società di gestione hanno infatti pagato una tariffa fissa per i servizi, mentre la gestione delle infrastrutture è nelle mani di una proprietà statale, Network Rail.


Leggi anche: La Gran Bretagna cerca un milione di lavoratori