Gli scienziati parlano di “apocalisse degli insetti”

0
174

Il problema viene definito dagli scienziati come “l’apocalisse degli insetti“, è paragonabile (al momento) ad un puzzle di cui non abbiamo ancora tutti i pezzi. Ecco quindi le difficoltà a coglierne l’enormità e la complessità.

In cosa consiste l’apocalisse degli insetti?

Il regno vitale degli insetti nel mondo sta percorrendo una faticosa strada verso la sopravvivenza, hanno detto i migliori esperti di insetti del mondo. Il cambiamento climatico, gli insetticidi, gli erbicidi, l’inquinamento luminoso, le specie invasive e i cambiamenti nell’agricoltura e nell’uso del terreno. Sono queste le cause della perdita dall’1% al 2% dei suoi insetti ogni anno, secondo l’entomologo dell’Università del Connecticut, David Wagner. Wagner sostiene che gli scienziati devono capire se il tasso di perdita degli insetti è maggiore rispetto ad altre specie. “C’è qualche motivo per cui preoccuparsi di più“, ha aggiunto, “essi sono l’obiettivo dell’attacco” con insetticidi, erbicidi e inquinamento luminoso.

L’importanza degli insetti secondo gli scienziati

La coautore ed entomologa dell’Università dell’Illinois, May Berenbaum vincitrice della National Medal of Science, ha affermato: “Il declino degli insetti è paragonabile al cambiamento climatico di 30 anni fa perché i metodi per valutare la portata, il tasso (di perdita) erano difficili”. A peggiorare le cose è che in molti casi le persone odiano gli insetti, anche se impollinano il cibo del mondo, sono cruciali per la catena alimentare e per eliminare i rifiuti. Gli insetti “sono assolutamente il tessuto con cui Madre Natura e l’albero della vita sono costruiti”, ha detto Wagner.

Le api e le farfalle

Due ben noti – le api e le farfalle Monarch – illustrano al meglio i problemi degli insetti e i declini. Le api da miele sono state in drammatico declino a causa di malattie, parassiti, insetticidi, erbicidi e mancanza di cibo. Il clima più secco e arido degli Stati Uniti d’America significa meno erba lattea da mangiare per le farfalle, secondo Wagner. E i cambiamenti nell’agricoltura americana portano alla rimozione delle erbacce e dei fiori di cui hanno bisogno per il nettare. Anche il numero di api è sceso dai livelli “pericolosamente bassi” di meno di 30.000 monarchi negli ultimi due anni, ha detto lo zoo globale di San Diego. “L’incredibile migrazione dei monarchi occidentali è un pezzo unico ma fragile della storia naturale del Nord America, ed è sull’orlo del collasso”, ha detto Paige Howorth, direttrice della cura e conservazione degli invertebrati allo zoo.

Un quadro grande ma incompleto

I funzionari dell’amministrazione di Trump hanno annunciato che la farfalla Monarch era un “candidato” per la designazione federale come specie minacciata – ma non riceverà la designazione per diversi anni, poiché ci sono altre priorità. I lavori scientifici non forniscono nuovi dati, ma mostrano un quadro grande ma incompleto di un problema che comincia ad attirare l’attenzione. Gli scienziati hanno identificato 1 milione di specie di insetti, mentre probabilmente altri 4 milioni sono ancora da scoprire, ha detto Berenbaum.

Il parere di Tallamy

L’entomologo dell’Università del Delaware Doug Tallamy, che non faceva parte degli studi, ha detto di aver messo in evidenza come il mondo abbia “speso negli ultimi 30 anni miliardi di dollari per trovare nuovi modi di uccidere gli insetti e di risparmiare denaro per preservarli. La buona notizia è che, con l’eccezione del cambiamento climatico, gli individui possono fare molto per invertire il declino degli insetti“, ha detto Tallamy in una e-mail. “Questo è un problema globale con una soluzione di base“. Il problema del cambiamento climatico appartiene a molte specie animali ad oggi, per approfondire l’argomento: Le rondini sopravviveranno ai cambiamenti climatici?

Commenti