Scienza: perché la percezione del tempo accelera con l’età?

0
183

I ricercatori americani hanno rivelato un fenomeno che tutti conosciamo: più invecchiamo, più velocemente sentiamo che il tempo passa. Ma come si può spiegare questa diversa percezione del tempo?

Percezione del tempo: come funziona?

Ah, come vola il tempo! E più passa, più abbiamo l’impressione che passi in fretta. Una strana accelerazione della nostra percezione del tempo (e non solo quando ci stiamo divertendo) le cui origini i ricercatori sono riusciti a scoprire, annidate nel cuore del nostro cervello. “Le persone sono spesso sorprese di ricordare così tanto dei loro giorni che sembravano durare per sempre nella loro gioventù. Non è che i loro sentimenti fossero molto più profondi o più significativi, è solo che sono stati elaborati a raffiche [dal cervello]”, spiega Adrian Bejan della Duke University in North Carolina (USA) in una dichiarazione.

Processi che rallentano

Nel corso di una pubblicazione pubblicata sulla rivista European Reviewin marzo 2019, lo scienziato rivela infatti che l’evoluzione della nostra percezione del passare del tempo è legata a un rallentamento dei processi durante i quali il cervello elabora le immagini. Un riflesso dell’invecchiamento cerebrale che può essere osservato direttamente negli arcani del nostro encefalo. Man mano che maturano, le nostre reti di nervi e neuroni crescono e diventano più complesse, rendendo più sinuoso il percorso dei segnali elettrici che vi circolano. E oltre a questo percorso sempre più complesso, anche i percorsi di informazione che attraversano la nostra testa finiscono per deteriorarsi, aggiungendo così qualche altro ostacolo al passaggio dei segnali elettrici.

Lo stesso film, ma con meno immagini

Le immagini mentali che il nostro cervello percepisce ed elabora finiscono quindi per essere elaborate ad un ritmo più lento. Secondo Adrian Bejan, questo è dimostrato dal fatto che gli occhi dei bambini si muovono molto più frequentemente di quelli degli adulti. Questo è un segno, dice, che percepiscono ed elaborano più informazioni dei loro anziani.


Da Michelangelo ai robot: quale futuro per la scultura?


Come un film senza fotogrammi, la vita sembra accelerare con l’età

La mente umana percepisce un cambiamento nel tempo quando le immagini percepite cambiano. Il presente è diverso dal passato perché la visione mentale è cambiata, non perché l’orologio di qualcuno inizia a ticchettare. I giorni sembravano durare di più in gioventù perché la mente giovane riceve più immagini in un giorno che la stessa mente in età avanzata”, dice Adrian Bejan.