Schianto in autostrada tra Monte San Savino e Arezzo: morti e feriti

0
152

E’ successo intorno alle 11,30: incidente tra un furgone e un camion. Corsa dei soccorritori ma per il giovane non c’è stato nulla da fare.

Tragedia in autostrada, tra le uscite di Monte San Savino e Arezzo: un ragazzo di 24 anni (S.Z.) originario della provincia di Monza e Brianza e residente in quella di Piacenza è deceduto. L’incidente è accaduto in direzione nord, intorno alle 11,30. Lo schianto si è verificato al chilometro 371. Sul posto la Polizia stradale, il 118 aretino, vigili del fuoco di Arezzo, personale di Autostrade per l’Italia.

Un ferito grave e chilometri di coda

Più mezzi coinvolti: un camion, un furgone e alcune auto. Sulla ricostruzione della dinamica è al lavoro la Polstrada di Battifolle: ci sarebbe stato un rallentamento, il furgone e altre vetture dietro sarebbero andati a impattare contro il mezzo pesante davanti a loro.

Della gravità del sinistro si è intuito immediatamente, notando i consistenti danni subiti dal furgone, rimasto schiacciato dall’impatto. Uno scontro talmente violento che il tir è stato spostato in avanti di parecchi metri.

I vigili del fuoco di Arezzo hanno provveduto ad estrarre dal furgone proprio il 24enne per affidarlo alle cure del 118. Gravissime le lesioni riportate dal giovane, poi risultate fatali; più lievi quelle riportate dall’altra persona coinvolta, che a bordo di una delle vetture incidentate. Chilometri di coda si sono formati immediatamente a seguito del sinistro. Pegaso si è alzato in volo e sul posto sono accorse anche due ambulanze.

Il 24enne aveva riportato più traumi, era stato trasferito in codice rosso, in ambulanza, all’ospedale San Donato di Arezzo, le sue condizioni erano state sempre instabili: si era valutato in trasferimento al Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena in elicottero, ma non c’è stato tempo.

Dopo alcuni disperati tentativi di soccorso, il giovane è deceduto. L’altra persona coinvolta è stata portata in codice giallo al pronto soccorso aretino. Il paziente è stabile e fuori pericolo.“

Commenti