Scarti di ananas usati per costruire droni, progetto malese

0
541

Si possono usare gli scarti di ananas per costruire telai per droni o aerei senza pilota? Un team di ricercatori originari della Malesia pensa di sì.

I droni possono diventare biodegradabili?

Ci troviamo a Bangi, in Malesia. A guidare il progetto è il professor Mohamed Thariq Hameed Sultan, dell’Università di Putra. Lui e la sua squadra stavano cercando usi alternativi per la gran mole di scarti prodotti dagli agricoltori di Hulu Langat, che si trova a 65 km da Kuala Lumpur. E sembra che li abbiano trovati. “Stiamo trasformando la foglia dell’ananas in una fibra che può essere utilizzata per applicazioni aerospaziali, ma anche per i droni” ha spiegato il professore.

Un parere vero

Secondo il suo parere, un drone realizzato con questo materiale avrebbe un rapporto resistenza/peso più elevato, oltre ad essere più economici, più leggeri e più sostenibili. Infatti, nel caso in cui un drone si danneggiasse o si perdesse, potrebbe venir semplicemente sepolto e si degraderebbe nel giro di due settimane. Fino a questo momento i prototipi sono stati in grado di volare ad un’altezza di circa mille metri, e di rimanere in volo per venti minuti. Questa potrebbe essere la base per costruire droni più grandi, per trasportare carichi più grandi, magari da usare per scopi agricoli o per ispezioni aeree.

L’ananas e i suoi scarti, un uso alternativo

“Il nostro ruolo qui è quello di aiutare l’industria e gli agricoltori ad aumentare la resa e a rendere il loro lavoro più facile”. Così ha spiegato il professor William Robert Alvisse, della Malaysian Unmanned Drones Activist Society, un gruppo di consulenza non governativo. Fino al 2017 gli steli di ananas venivano semplicemente eliminati. Oggi, gli agricoltori hanno la speranza che il progetto possa incoraggiare altre innovazioni di questo tipo, trovando diversi usi per i materiali di scarto.

“Con il problema sanitario ed economico dovuto al Covid, la società è disperata. Non c’è altro modo di aumentare il reddito” ha concluso Irwan Ismail, coltivatore di ananas.

Trasformare i rifiuti in profitto sei startup che fanno la differenza