Sarà il mese delle PIOGGE con frequenti IRRUZIONI dal POLO NORD

Meteo: GIUGNO ESTREMO, sarà il mese delle PIOGGE con frequenti IRRUZIONI dal POLO NORD.

0
211

Mancano pochi giorni all’inizio dell’estate 2020 e sulla base delle nostre ultime elaborazioni l’avvio sarà tutt’altro che caldo e stabile. GIUGNO infatti sarà il mese delle PIOGGE con frequenti irruzioni dal Polo Nord.


Scopriamo allora la tendenza per il prossimo mese che rischia di essere estremo dal punto di vista meteorologico. Dopo il ponte della festa della Repubblica del 2 Giugno che vedrà le ultime note di instabilità, da mercoledì 3 giugno, proprio in concomitanza dell’inizio della cosiddetta FASE 3, un campo di alta pressione si distenderà dalle coste del Nord Africa a buona parte del bacino del Mediterraneo inglobando quindi anche l’Italia.

 Vista l’origine della massa d’aria, il deserto del Sahara, le temperature sono previste infatti in deciso aumento da mercoledì 3 giugno su tutta la nostra Penisola con punte massime che si porteranno fin verso i 30°C specie al Centro Sud.


Non fatevi ingannare 
però, questa illusione d’estate avrà i giorni contati.
Secondo il Centro Meteorologico americano GFS già nel corso di sabato 6 un fronte freddo ed instabile accompagnato da correnti polari piomberà sul nostro Paese dando il via a una sfuriata temporalesca. 

Attenzione perché a causa dei forti contrasti tra masse d’aria completamente diverse (correnti dal Polo Nord in contrasto con aria calda dovuta all’anticiclone africano) non sono da escludere eventi meteo estremi come nubifragi, grandinate e persino tornado. Le regioni maggiormente a rischio secondo l’ultimo aggiornamento saranno quelle del Centro-Nord che subiranno anche un sensibile calo delle temperature.

Una seconda e ben più pesante ondata di maltempo è prevista poi a partire da martedì 9 quando una vasta depressione in discesa dal Nord Europa potrebbe investire in pieno l’Italia. Mancano ancora tanti giorni e questa proiezione va presa con le pinze. Ma se ciò venisse confermato dovremo fare i conti con tante piogge e temporali con il rischio concreto anche di allagamenti vista l’ingente quantità d’acqua che potrebbe cadere in poco tempo.


Questa ferita nell’alta pressione faticherà a riassorbirsi ed almeno fino alla metà del mese saremo in balìa di correnti instabili che a più riprese potranno dar vita a forti rovesci temporaleschi. Insomma, per il ritorno dell’estate dovremo aspettare dopo il 15/20 del mese quando finalmente l’alta pressione riuscirà a garantire maggior stabilità atmosferica e sole sul nostro Paese.


Dal 9 giugno possibile ondata di maltempo

Dal 9 giugno possibile ondata di maltempo

Commenti