Sanna Marin: ecco chi è la nuova prima ministra finlandese

Sanna Marin è la nuova prima ministra finlandese a soli 34 anni. Un risultato storico già di per sé, ma che va a braccetto con altre peculiarità della donna.

0
1003

Sanna Marin è il nome che più sta facendo impazzire il web in queste ore. A soli 34 anni, infatti, Sanna sta per essere eletta prima ministra della Finlandia, diventando di conseguenza la persona più giovane ad aver mai ricoperto un simile ruolo in tutto il mondo. Un’elezione che chiaramente non piove dal cielo, ma che arriva in seguito ad un percorso che ha reso la Marin già ministra dei trasporti e delle infrastrutture.

L’elezione di Sanna Marin dovrebbe essere confermata in parlamento nei prossimi giorni, ma i numeri affinché ciò avvenga ci sono tutti. Sanna non sarà solo un primo ministro donna, ma lo diventerà anche in quanto leader di una coalizione di cinque partiti guidati da sole leader donne, costituendo dunque un unicum a livello mondiale anche in base a ciò. Ma non è tutto: a stupire, infatti, è anche la vita privata della Marin, figlia di due donne e non della classica “famiglia tradizionale” che è tanto cara alla classe politica di altre nazioni, in primis l’Italia.

Sanna Marin: la sua storia politica

Tutti questi dati danno, nel loro complesso, un segnale di forte apertura mentale per quanto riguarda la Finlandia, ma non dicono molto sulla visione politica di Sanna Marin. A farlo è invece il suo percorso passato nelle cariche istituzionali, un percorso che si è svolto sempre a sinistra: dopo aver conseguito laurea e master in scienze amministrative, Sanna è stata eletta come membro del consiglio cittadino di Tampere nel 2012, essendo poi riconfermata nelle successive elezioni del 2017. Nel contempo la donna è diventata membro anche del consiglio della regione di Pirkanmaa, regione di cui fa appunto parte la città di Tampere.

Una gavetta rapida ma completa ha dunque portato Sanna a compiere una scalata incredibile in pochissimi anni: da semplice laureata in un ambito amministrativo, la donna è poi diventata un politico rilevante a livello prima comunale, poi regionale ed infine nazionale. L’elezione al ruolo di primo ministro completa dunque un cerchio rapido come pochi, che incastonerà probabilmente il suo nome nella storia della politica finlandese e la renderà un esempio per molti e molte. In bocca al lupo per il suo governo, affinché possa far splendere una nazione all’avanguardia come la Finlandia e dare un esempio virtuoso alle altre potenze mondiali.

CLICCA QUI per sapere di più sulle elezioni che hanno dato tutto questo potere a Sanna

Commenti