Sanguineti: il poeta e politico del Gruppo 63

0
274
Edoardo-Sanguineti
Edoardo-Sanguineti

“Non c’è opera veramente comica se non ha in sé qualcosa di tragico e viceversa”, diceva il celebre esponente del Gruppo 63 Edoardo Sanguineti. Egli fu poeta, drammaturgo, critico e politico italiano: lo ricordiamo oggi, 18 maggio, durante l’anniversario della sua morte avvenuta nel 2010.

Chi era Edoardo Sanguineti?

La formazione di Sanguineti iniziò nel 1946 presso il Liceo Ginnasio Massimo d’Azeglio, per poi passare alla facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Torno. Fu nel 1951 che iniziò la stesura di quella che divenne una delle sue opere più celebri: la raccolta di poesie Laborintus. Questa opera, particolare e differente rispetto al repertorio letterario del tempo, è pubblicata nel 1956. In 27 sezioni, il poeta racconta l’attraversamento di un passaggio lunare in un’ambientazione postatomica. I protagonisti si incontrano, si cercano, si amano e sono in continua mutazione.

Il Gruppo 63

Il movimento neoavanguardista nacque a Palermo nel 1963. Il gruppo di letterati si unì contro ciò che era diventata la letteratura di quel periodo: priva di vita. Essi furono un ultimo baluardo della letteratura neorealistica. In questo periodo è pubblicata la raccolta I Novissimi, curata da Alfredo Giuliani. Questa raccoglie una serie di poesie atipiche, non in linea con la tradizione italiana, di Elio Pagliarani, Edoardo Sanguineti, Nanni Balestrini e Antonio Porta. L’obiettivo, come suggerisce il titolo, era proprio quello di raccogliere testi di poeti che potessero fornire una novità a questo panorama.

Sanguineti tra Università e politica

Nel 1970, Sanguineti diventerà professore straordinario di Letteratura italiana generale e Letteratura italiana contemporanea a Salerno, nel 1973 divenne ordinario. Fu nel 1976 che iniziò a collaborare con l’Unità e poi con Il Lavoro di Genova. La strada politica inizia proprio in questo periodo quando viene eletto consigliere comunale a Genova e deputato della Camera, come indipendente nelle liste del PCI.

I riconoscimenti

 Per il suo lavoro ricevette numerosi premi letterari tra i quali la Corona d’oro di Struga, il Premio Capri dell’Enigma (1998), fu membro e fondatore della “Accadémie Européenne de poésie di Lussemburgo  e membro consulente del “Poetry International” di Rotterdam. Nel 2006 gli viene assegnato il Premio Librex Montale ed è diventato presidente onorario dell’associazione politica Unione a Sinistra. Candidato alle primarie dell’Unione per l’elezione del sindaco di Genova, nel 2007, è sostenuto da: Partito dei Comunisti Italiani, Partito della Rifondazione Comunista e Unione Sinistra. 

Un autore atipico, sia per le sue opere, sia per il suo mondo rivoluzionario.

Commenti