Sandro Miller ad Arpino con un progetto con Malkovich

Il fotografo si mette alla prova, rielaborando gli scatti di professionisti dell'obiettivo celebri

0
385
Sandro Miller ad Arpino
Uno degli scatti di Sandro Miller in mostra ad Arpino

Sandro Miller ad Arpino con una mostra in cui si confronta coi maestri della fotografia. Attraverso le interpretazioni dell’attore e regista John Malkovich, il professionista della fotocamera presenta scatti che danno un significato diverso a immagini celebri.


La fotografa partigiana Faye Schulman in Bielorussia


Perché Sandro Miller ad Arpino?

La madre del fotografo americano classe 1958 ha origini italiane, in particolare di Ferentino in provincia di Frosinone. Per l’artista quindi, la mostra ad Arpino è l’occasione per tornare nei luoghi in cui ha vissuto il genitore e presentare un progetto. Infatti, gli organizzatori dell’evento attendono la sua visita prima della fine dell’esposizione.

Il fotografo e i riconoscimenti

Miller è un professionista riconosciuto per le collaborazioni con Associazioni ed Enti governativi. Per le Olimpiadi di Cuba nel 2001 ha immortalato gli atleti e ha realizzato gli scatti promozionali per la raccolta fondi per l’Aids “Dance for life”. La sua capacità di rendere vive e uniche le immagini gli è valsa l'”International photographer of the year award” nel 2015. Inoltre, con l’amico Malkovich ha prodotto il cortometraggio “Hell”, premiato a AI-AP Big Talk. I suoi lavori sono apprezzati anche nel campo pubblicitario.

“Malkovich, Malkovich, Malkovich”, ripresa dei maestri della fotografia

Le riviste propongono immagini d’impatto che rendono uno sguardo e un’espressione indimenticabili. Miller ha osservato gli scatti di alcuni nomi noti della fotografia e ha deciso di presentarli a modo suo. Le mimica e la gestualità dell’attore John Malkovich lo hanno ispirato, dando ai suoi lavori un carattere diverso dall’originale da cui ha preso spunto. L’uomo di spettacolo posa davanti all’obiettivo come personaggi famosi immortalati in ritratti iconici. Reinterpreta quindi ritratti di Marilyn Monroe, Salvator Dalì, Mick Jagger, Muhammad Alì, Meryl Streep, John Lennon e Yoko Ono. La mostra è visitabile fino al 26 settembre nelle sale del castello Ladislao di Arpino.