Sanchez pronto a perdonare i nove indipendentisti

0
200

Si sa: il dialogo è l’opzione migliore per raggiungere o un accordo o trovare la pace. Per questo motivo il Premier spagnolo, Pedro Sanchez, è pronto a perdonare i nove indipendentisti. Coloro che nel 2017 ebbero un ruolo importante all’interno di un referendum per l’indipendenza della Catalogna, non consentito. Qual è il pensiero di Sanchez?


Elezioni in Catalogna: vittoria degli indipendentisti


Perchè Sanchez pronto a perdonare i nove indipendentisti?

Secondo il Presidente del Governo spagnolo Pedro Sanchez, “la via del dialogo” è la scelta migliore per distendere la situazione con la Catalogna. Nel 2017 la comunità autonoma aveva tentato di raggiungere un numero tale di voti per ottenere l’indipendenza. Nel referendum non autorizzato avevano avuto un ruolo fondamentale nove indipendentisti poi arrestati nel 2019. Sanchez pensa che “la caccia alle streghe” non sia proprio il metodo giusto per mettere d’accordo tutti e ha quindi annunciato che nella giornata di domani, mercoledì 23 giugno, gli incarcerati verranno perdonati dal Governo. Quali le parole del Premier spagnolo?

Sanchez: “Rimanere bloccati nei problemi o cercare di andare avanti”

La giornata di domani sarà di sicuro importante per il Governo spagnolo. Il Presidente Sanchez ha infatti deciso di perdonare i nove indipendentisti arrestati nel 2019. Queste le sue parole: “Potremmo tornare ai rimproveri, rimanere bloccati nei problemi. Cercare più colpevoli. Oppure dedicare il nostro tempo e le nostre energie a risolvere il problema e scommettere sulla concordia, che significa letteralmente “con il cuore”. Così ha deciso il governo spagnolo. Con questo atto, permettiamo materialmente a nove persone di lasciare il carcere, ma simbolicamente mettiamo insieme milioni e milioni di persone in nome della convivenza. Non ci aspettiamo che coloro che aspirano all’indipendenza cambieranno i loro ideali. Ci aspettiamo che si comprenda che non esiste cammino al di fuori della legge”. Nonostante il pensiero del Premier, i sondaggi effettuati evidenziano come il 60% degli spagnoli sia contrario all’atto. Ovviamente anche se le due parti si stringeranno la mano, le idee non cambieranno e sicuramente sotto la brace rimarranno accessi i tizzoni del desiderio d’indipendenza.