San Pietroburgo e il sole di mezzanotte

L'ex Leningrado è raggiungibile dall'Italia con voli giornalieri diretti

0
891

E’ intorno al solstizio d’estate che nei paesi del Nord Europa la notte non arriva mai e tra questi, anche San Pietroburgo offre ai visitatori la luce del giorno anche a notte fonda. Fa uno strano effetto vivere a quelle latitudini quando il sole non tramonta mai, da un lato la possibilità di visitare la città a qualunque ora, dall’altro l’orologio biologico in tilt perché non riesce più a distinguere il giorno dalla notte.

A San Pietroburgo si arriva in circa 3 ore e mezza dall’Italia con voli diretti, il primo impatto con la città non è sempre positivo. Traffico. Traffico a tutte le ore e inquinamento. Automobili degli anni ’70 che rombano e fumano come non mai, che attraversano l’acqua cupa della Neva affollando i ponti che disegnano la città. La vecchia Leningrado è una città immensa che è riuscita nel compromesso tra vecchio regime russo e occidente e se ne vedono dappertutto gli effetti.

Passeggiare per le sue larghissime strade rende bene l’idea di questa città, fino alla Prospettiva Nevskij e oltre, che per molti turisti resta una semplice via dello shopping, per i cittadini di San Pietroburgo il cuore della città. La Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato lascia a bocca aperta, un immenso mosaico, fin troppo compresso, che trasmette come la sensazione di doversi innalzare nel cielo da un momento all’altro. E poi sua maestà l’Hermitage e il Palazzo d’Inverno, la magnificenza assoluta, con le sue scale di marmo, i soffitti che tendono all’infinito e l’eccezionale collezione di opere provenienti da tutto il mondo e degli artisti più celebri. I giardini imperiali, il Palazzo d’Estate, che sembra niente in confronto alla residenza invernale e le tantissime vie da percorrere a piedi, nonostante le distanze, a volte davvero notevoli.

San Pietroburgo è una scoperta, se non altro dello stile di vita di un popolo che ha saputo rinnovarsi, mantenendo però intatte le tradizioni di una volta, che si possono apprezzare soprattutto nella cucina, tra le migliori in Europa.

Per l’ingresso in Russia è necessario il passaporto e il visto turistico che viene rilasciato dall’Ambasciata Russa in Italia e un invito da parte di un hotel russo, obbligo a cui pensano le agenzie di viaggi italiane a cui consigliamo di rivolgervi per programmare il vostro viaggio.

 

Commenti