Sam Altman, capo di OpenAI, raccoglie 100 milioni di dollari per la criptovaluta Worldcoin

0
50

L’amministratore delegato di OpenAI, Sam Altman, è vicino a raccogliere quasi 100 milioni di dollari per il suo progetto di criptovaluta Worldcoin.

Secondo il Financial Times, Worldcoin è in trattative avanzate per raccogliere nuovi capitali in vista del lancio nelle prossime settimane. Il progetto mira a utilizzare la tecnologia di scansione dell’iride per creare una criptovaluta globale sicura chiamata Worldcoin.

Tra i precedenti investitori di Worldcoin figurano il fondo crittografico di Andreessen Horowitz, il fondatore di FTX Sam Bankman-Fried e l’imprenditore internet Reid Hoffman.

L’azienda è stata fondata nel 2019 e ha lavorato sulla tecnologia di identificazione digitale utilizzando sfere a scansione della retina.

Inoltre, una vendita privata di token da 100 milioni di dollari all’inizio dello scorso anno ha valutato l’offerta totale di token Worldcoin a 3 miliardi di dollari, ha aggiunto il rapporto.

Lancio imminente della criptovaluta Worldcoin

All’inizio di quest’anno, Worldcoin ha dichiarato di aver superato un milione di iscrizioni e di avere tra i 100 e i 200 Orb operativi in qualsiasi momento.

“È un mercato orso, un inverno delle criptovalute. È notevole che un progetto in questo spazio ottenga una tale quantità di investimenti”, ha dichiarato una fonte del FT vicina al progetto.

Secondo l’azienda, le sfere utilizzano “la biometria dell’iride per stabilire la personalità unica di un individuo, quindi creano un ID mondiale digitale che può essere utilizzato in modo pseudonimo in un’ampia varietà di applicazioni quotidiane senza rivelare l’identità dell’utente”.

Una volta stabilita la propria identità nel sistema, gli utenti potranno ottenere gratuitamente i token Worldcoin.

Tuttavia, il progetto ha ricevuto alcune critiche per le questioni di privacy legate alla biometria. L’azienda ha dichiarato che non memorizzerà i dati personali derivanti dalla scansione dell’iride.

Potenziali problemi riscontrati

Secondo TechCrunch, gli hacker sono già riusciti a installare un malware sui dispositivi di diversi operatori di Worldcoin Orb.

È stato rilevato un malware in grado di rubare le password, come il ruba-informazioni RedLine, che ha sottratto alcune delle credenziali salvate nei browser, compresi i dati di accesso all’app dell’operatore Orb.

L’11 maggio, la Worldcoin Foundation ha annunciato l’impegno a sostenere l’Optimism Collective e a portare il sistema World ID nell’ecosistema Optimism.