Ryanair, nuove regole per i bagagli dal 1 novembre

0
1299

Nuove modalità di imbarco dei bagagli a mano per la compagnia  aerea low cost Ryanair. Il vettore irlandese ha annunciato le nuove modalità che andranno in vigore dal 1 novembre prossimo.Niente più bagaglio a mano gratuito, nemmeno di  dimensioni ridotte. Sarà consentito portare a bordo, senza ulteriori costi, soltanto borse e piccoli zaini. A partire dalla data indicata, quindi, portare in cabina  il trolley avrà un costo, che sarà differente in base alla tipologia di soluzione scelta in fase di prenotazione. 

Se si acquista il supplemento “Priorità” o “2 bagagli a mano”  al costo di  6 euro, oltre a imbarcarsi prima degli altri passeggeri, sarà consentito portare a bordo la piccola borsa personale e  un trolley che andrà a prendere posto nella classica cappelliera. Scegliere di far viaggiare il bagaglio in stiva,  se  registrato al momento dell’acquisto del biglietto, costerà  8 euro mentre se la scelta viene effettuata direttamente al check-in il prezzo salirà  a 10 euro.

Non è la prima volta, quest’anno,  che  Ryanair apporta variazioni alle modalità di imbarco dei bagagli.Gia lo scorso gennaio, aveva stabilito quelle che sono le attuali modalità. Acquistare un posto senza la priorità avrebbe dato  diritto di avere in cabina un solo bagaglio di dimensioni massime 30x20x20 e di inviare in stiva un secondo bagaglio del peso massimo di 10 kg e di dimensioni non superiori a 55x40x20. Acquistare un posto con priorità avrebbe invece consentito di avere a bordo due bagagli a mano.  

Già nell’occhio del ciclone per recenti scioperi e le conseguenti cancellazioni di voli che hanno lasciato a terra un non indifferente numero di  passeggeri, la compagnia si è difesa  lasciando intendere che questa nuova misura  sia volta ad  accelerare i tempi di imbarco contribuendo a diminuire i ritardi nelle partenze. Secondo quanto da loro rilevato, il 60% dei viaggiatori che scelgono Ryanair non dovrebbe essere interessato da questa modifica in quanto già il 30% viaggia con un solo bagaglio a mano e  un altro 30% sceglie la modalità prioritaria. L’obiettivo potrebbe essere quello di incentivare il restante 40% ad acquistare l’imbarco prioritario o, in alternativa, a spedire il bagaglio in stiva.

Un parere contrario è stato espresso dal Codacons che, in un comunicato, ha annunciato di essere pronto a intraprendere  un’azione in difesa dei consumatori attraverso una denuncia all’Antitrust contro le decisioni della compagnia, accusata di “ cambiare ancora la politica sui bagagli in senso sfavorevole ai passeggeri”,  non lasciando alcuna possibilità di portare con sé un bagaglio a mano gratuitamente.