Ruth Bader Ginsburg – morta a 87 anni il giudice della Corte Suprema

Un simbolo del Paese a tutti gli effetti, Ginsburg è stata l'artefice di grandissimi progressi per le donne. La sua facci appare su poster, tazze e magliette, e la sua storia è stata raccontata in un film di Hollywood

0
289
Ruth Bader Ginsburg

Il giudice della Corte Suprema USA, Ruth Bader Ginsburg, si è spenta all’età di 87 anni. Nominata nel 1993 dal presidente Bill Clinton, icona per le donne, la Ginsburg era malata da tempo di un cancro al pancreas metastatico. Era soprannominata da tutti Notorius RBG. La sua nomina alla Corte Suprema fu ratificata con 96 voti favorevoli su 100, una cosa che non è mai più accaduta.

Muore a 87 anni Ruth Bader Ginsburg

Si è spenta all’età di 87 anni, dopo una feroce lotta contro il cancro, il giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg. La Ginsburg era la più anziana giudice della Corte Suprema, e forse l’unico giudice di cui la gran parte degli americani conosce il nome.

Venne nominata nel 1993 dall’allora presidente Bill Clinton. Soprannominata Notorius RBG, è stata simbolo delle donne e volto dei progressi in America. Ha lottato duramente per le questioni sociali, come i diritti di aborto, il matrimonio tra persone dello stesso sesso, il diritto di voto, l’immigrazione e l’assistenza sanitaria.

La sua ratifica segnò un plebiscito storico. Infatti, venne confermata dal Senato con 96 voti favorevoli su 100, una cosa che non è mai più accaduta. Considerata una moderata, la Ginsburg era amica fraterna di Antonin Scalia, giudice conservatore deceduto nel 2016.

Ruth Bader Ginsburg, nella sua vita, ha lottato ben cinque volte contro il cancro. Nonostante ciò, non si è mai arresa, e ha sempre continuato a lavorare. Aveva dichiarato: “Ho sempre detto che sarei rimasta un membri della Corte finché potrò svolgere il lavoro a pieno ritmo”. Aveva inoltre aggiunto che lavorare la faceva sentire molto meglio. Prima delle elezioni di Donald Trump, la Ginsburg aveva definito il Presidente un falsario, “una persona che se la cava sempre contro la legge”.

Le reazioni dei politici

Il presidente Donald Trump ha dichiarato: “Ha condotto una vita fantastica. Cosa altro si può dire? Era una donna straordinaria, che tu sia d’accordo o no, era una donna che ha condotto una vita straordinaria”.

L’ex Segretario di Stato Hillary Clinton ha twittato: “Il giudice Ruth Bader Ginsburg ha spianato la strada a molte donne, inclusa me. Non ci sarà mai nessuna come me. Grazia RGB”.

Il candidato democratico Joe Biden ha invece elogiato la Ginsburg, definendola “un gigante nella professione legale e una figura amata”.

L’ex presidente Barack Obama ha affermato: “Nel corso della sua lunga carriera, il giudice Ginsburg ci ha aiutati a capire che la discriminazione sulla base del sesso non riguarda un ideale astratto di uguaglianza. Riguarda chi siamo e chi possiamo essere”. Ha poi aggiunto: “Ruth Bader Ginsburg ha combattuto fino alla fine, con una fede incrollabile nella nostra democrazia e nei suoi ideali. E’ così che tutti noi dobbiamo ricordarla. Ha inoltre lasciato istruzioni, su come voleva che a sua eredità fosse onorata”.

Il presidente della Corte Suprema John Roberts ha invece dichiarato: “La nostra nazione ha perso una giurista di statura storica. Noi della Corte Suprema abbiamo perso una cara collega. Oggi piangiamo, ma siamo fiduciosi che le generazioni future ricorderanno Ruth Bader Ginsburg come la conoscevamo noi, una sostenitrice instancabile e risoluta della giustizia”.

I repubblicani vogliono subito un nuovo giudice

Ora, il presidente Trump avrà la possibilità di nominare un nuovo giudice, rendendo la Corte Suprema più conservatrice che mai.

Molti leader repubblicani hanno incoraggiato subito il Presidente a nominare un nuovo giudice. Il leader dei repubblicani al Senato Mitch McConnell ha atteso solo pochi minuti dopo la morte della donna per comunicare che Donald Trump ha il diritto di scegliere un nuovo giudice alla Corte Suprema e che la persona che sceglierà sarà sottoposta il prima possibile al voto al Senato.


Leggi anche: “La Corte Suprema mi ha dato nuovi poteri”, così asserisce Trump

Commenti