Segnalati alcuni casi di animali che sono entrati in case ed edifici pubblici e hanno assalito delle persone.

E’ ormai stato d’emergenza in una regione isolata della Russia, dove decine di orsi polari, spesso aggressivi, sono comparsi vicino a insediamenti umani. Lo riporta la Bbc, spiegando che le autorità dell’arcipelago di Novaya Zemlya, dove vive qualche migliaio di abitanti, hanno avvertito di alcuni casi di orsi che sono entrati in case ed edifici pubblici e hanno aggredito delle persone.

Gli orsi polari subiscono le conseguenze dei cambiamenti climatici e sono sempre più costretti a spostarsi per cercare cibo. La Russia li classifica come specie in via di estinzione e cacciarli è vietato.

Nelle vicinanze del principale insediamento dell’arcipelago, Belushya Guba, sono stati registrati 52 orsi, mentre fra sei e 10 sarebbero costantemente sul suo territorio. Vigansha Musin, responsabile dell’amministrazione locale, fa sapere che più di cinque orsi si trovano sul terreno della caserma locale dell’esercito, dove sono basate le forze di difesa aerea.

Per ora l’agenzia federale russa incaricata della protezione dell’ambiente ha rifiutato l’autorizzazione per l’abbattimento degli “animali piu’ aggressivi”, ma ha deciso di inviare una commissione per valutare la situazione. Il mese scorso il ministero della Difesa annunciato che oltre 400 edifici militari di epoca sovietica sono stati demoliti tra il 2015 e il 2018 perché vi si erano installati degli orsi.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here