Il Rubens “Ercole e Onfale” su Arte in italiano

Una web-serie descrive in pochi minuti il quadro mettendone in luci aspetti legati alla sessualità

0
622
Esposizioni 2022
Pieter Paul Rubens "Ercole e Onfale"

Banditi i tabù sul sesso, la docente di Storia dell’arte Hortense Belhôte presenta alcuni capolavori trattando argomenti piccanti. La web-serie “Si prega di non toccare” è una produzione che racconta dipinti e sculture non soltanto dal punto di vista tecnico. Infatti, l’identità di genere e omosessualità hanno sempre ispirato i maestri del passato. Guarda l’episodio sulla tela di Pieter Paul Rubens “Ercole e Onfale”.


Videoarte “Maratona di visione” online fino al 29 luglio


Perché una puntata della serie online sul quadro di Rubens “Ercole e Onfale”?

L’eroe Eracle è considerato in genere l’emblema della forza, della potenza virile che supera ogni difficoltà. La scena che il pittore fiammingo rappresenta, però, mostra il semidio sottomesso alla volontà della regina della Lidia, Onfale. Nel video di 4 minuti, Hortense Belhôte descrive i dettagli del quadro che tolgono un po’ del fascino guerriero al mitico personaggio. Non mancano poi i riferimento all’omosessualità del figlio di Zeus e Alcmena.

Hortense Belhôte

La professoressa e performer ritiene che la sessualità sia un modo per facilitare l’apprendimento. Pertanto spiegare l’arte facendo dei riferimenti alla sfera erotica coinvolge il pubblico e rende l’argomento più interessante. Invece di fare riferimenti alla storia e alla vita degli artisti, Hortense si focalizza, nella serie realizzata per Arte in italiano, sugli aspetti meno accademici. Con tono divulgativo e confidenziale, presenta i capolavori di tutti i tempi mettendo in primo piano la libido. Illustra infatti femminismo, masturbazione e tendenze sessuali di cui si parlava anche in passato.

“Ercole e Onfale” su Arte in italiano

La leggenda racconta che la regina della Lidia fa schiavo Ercole e lo costringe a filare la lana. Prima però gli prende i vestiti e la pelle del leone di Nemea e usa la sua clava per sorreggersi. L’eroe sta seduto al di sotto della donna che gli tira le orecchie. La studiosa fa quindi riferimento a un atto di sottomissione da parte della sovrana che si impone così sul semidio. Togliendogli gli attributi che indicano la sua forza, la regnante lo costringe ad assume un atteggiamento femminile, proprio dell’omosessuale. Il mito infatti, racconta di possibile rapporto gay con Pan che Onfane, diventata poi sposa di Ercole, evita.
Belhôte spiega abiti e posizioni in chiave sessuale, soffermandosi anche sulle parti del corpo lasciate scoperte. L’olio su tela di Rubens si trova al Louvre.