Noto per le sue “chiacchierate al caminetto”, Roosevelt è stato il primo Presidente USA ad apparire in televisione il 30 aprile 1939, esattamente 80 anni fa. Ecco perché è stato un rivoluzionario

F. D. Roosevelt ha guidato e governato gli Usa durante gli anni più duri della la storia americana. E’ stato infatti presidente dal 1933, anno in cui la crisi del ’29 arriva al suo culmine, al 1945, anno della sua morte.

Nel corso della sua presidenza ha saputo indirizzare la nazione verso le sfide che il crescente protagonismo sul panorama mondiale comportava. E’ riuscito, infatti, nei momenti di difficoltà, a rassicurare e infondere speranza nei propri cittadini.

Questo è stato possibile grazie all’uso sapiente e lungimirante che Roosevelt ha saputo fare dei nuovi mezzi di comunicazione, dalla radio alla TV.

Le chiacchierate al caminetto

All’inizio del suo mandato presidenziale, il neopresidente democratico si trova ad affrontare una delle sfide più difficili del ‘900: la crisi del ’29. Quando nel 1933 Roosevelt sale al potere, la situazione economica del paese è, infatti, drammatica. La disoccupazione è altissima. Tra la popolazione, ormai, è sempre più diffuso lo sconforto.

Le politiche economiche del suo predecessore, Hoover, basate sui dogmi dell’economia classica, si sono rivelate totalmente fallimentari. A partire dal 1933, il presidente Roosevelt avvia il piano di riforme economiche conosciuto come New Deal. Per far conoscere le nuove misure ai cittadini, il Presidente democratico inaugura la pratica delle cosiddette “fireside chats”. Attraverso le “chiacchierate al caminetto” riesce ad infondere nei cittadini la speranza di un’uscita dalla crisi.

La sua prima trasmissione radiofonica risale al discorso di insediamento. Da allora il Presidente ha inaugurato la tradizione dei discorsi settimanali. Questa tradizione, come sappiamo, permane ancora oggi. Con la sua voce suadente, il suo stile colloquiale e popolare, Roosevelt ha saputo conquistare il cuore di milioni di americani. Questo lo ha reso sicuramente uno dei presidenti più popolari di sempre.

L’uso della radio nel ‘900

hitler e la radio- Roosevelt
Hitler e la radio

Senza dubbio il Presidente democratico non fu il solo a fare di questo nuovo e potente medium uno dei pilastri della sua leadership. In quegli anni il regime nazista faceva largo uso della radio. Essa, basandosi sulla voce, richiamava direttamente all’identità linguistica e quindi al Volk, assi portanti dell’ideologia nazional-socialista. Mussolini,invece, era dapprima scettico nei confronti della “scatola parlante”. Ha però poi cominciato ad usarla soprattutto per far giungere la sua voce nelle località più isolate, dove la propaganda fascista non riusciva ad arrivare.

Roosevelt tuttavia è stato il primo, e forse l’unico all’epoca, leader liberaldemocratico ad aver capito le potenzialità dell’uso dei nuovi mezzi di comunicazione. Combinando le sue doti oratorie con il fascino che questi nuovi apparecchi esercitavano, il Presidente riuscì ad indirizzare favorevolmente l’opinione pubblica verso l’intervento nella Seconda Guerra Mondiale, seppur in un momento così difficile come dopo l’attacco subito a Pearl Harbor. Egli era del resto, in qualche modo, costretto ad usare la radio per comunicare con i propri cittadini. Il Presidente democratico aveva infatti molte difficoltà di movimento, a causa di una poliomielite contratta nel 1921, ed era quindi costretto ad usare la sedia a rotelle. Si dice che non amasse, per questo, mostrarsi pubblicamente. Preferiva invece usare la radio per i suoi discorsi.

Roosevelt sedia a rotelle
Roosevelt sulla sedia a rotelle

80 anni fa era il primo Presidente Usa ad apparire in TV

Il 30 aprile 1939, era infatti il primo presidente USA ad apparire in televisione.

Prima apparizione in TV

La sua prima apparizione avvenne durante l’inaugurazione del World’s Fair di New York.

La cerimonia di inaugurazione venne vista solamente tramite le televisioni presenti alle fiere o nel centro di Manhattan. Le TV non erano infatti ancora molto diffuse tra la popolazione.

Un esempio per i suoi successori

Il successore di Roosevelt, Truman, attinse a piene mani dalle strategie comunicative del suo predecessore.

Egli fu il primo, infatti, a trasmettere il discorso presidenziale dalla Casa Bianca in televisione, nell’ottobre del 1947.

Con la diffusione degli apparecchi televisivi, quella dei discorsi presidenziali trasmessi in TV dalla White House, divenne una vera e propria consuetudine che perdura ancora oggi.

Roosevelt é stato quindi, tra i leader liberaldemocratici in particolare, uno dei pionieri nell’uso dei media. Il rapporto diretto con il popolo che ha instaurato grazie ad essi, gli ha concesso una popolarità ed un’autorevolezza ancora oggi straordinaria.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here