Romano (Pd): “Salvini spieghi i rapporti tra Lega e Nemudrov”

0
288
Romano

La richiesta è del deputato democratico, Andrea Romano, che si faccia luce sui rapporti tra il diplomatico russo e il Carroccio. La risposta non si fa attendere da Matteo Salvini che chiarisce che il militare italiano Biot che ha tradito, lavorava al ministero della Difesa quando il ministro era del Partito democratico. In realtà quindi, secondo le parole del capitano, chi deve chiarire è Letta.

Perchè proprio Salvini, secondo Romano, dovrebbe chiarire?

Quindi secondo Romani, Salvini dovrebbe chiarire al più presto i rapporti tra la Lega e Aleksej Nemudrov. Diplomatico russo che insieme a Dmitri Ostrouchov coordinava la rete spionistica che avrebbe arruolato l’ufficiale infedele Walter Biot e che è stato recentemente espulso dal nostro paese.

Aleksej Nemudrov e Dmitri Ostroukhov sono i due cittadini russi che sono tornati a Mosca dopo l’arresto di Walter Biot. Beccato a vendere, per soldi, informazioni ai loro servizi segreti. Il primo dei due ha però tanti rapporti con l’Italia. Tra questi spicca quello con Gianluca Savoini, ex portavoce di Matteo Salvini.

La richiesta di chiarimento arriva da Andrea Romano, deputato del Partito democratico, affermando anche che l’efficienza dell’intelligence italiana ha permesso di debellare una minaccia. E oggi il quotidiano Repubblica, in un’inchiesta, ricostruisce i rapporti continuati che nel corso degli anni sono intercorsi tra Nemudrov e la Lega e Gianluca Savoini. L’ex portavoce di Salvini e fondatore dell’associazione filo-putiniana Lombardia Russia. Già implicato nell’incontro all’hotel Metropol di Mosca.

I rapporti tra la Lega e la Russia

Rapporti solidi, che lasciano intendere una collaborazione tra i diplomatici russi che guidavano la rete spionistica attiva in Italia ed esponenti del partito di Salvini. Nessun dubbio può essere tralasciato perché i rapporti italiani rubati e venduti sono delicatissimi.

Le due spie russe hanno comunque messo a repentaglio la rete di spionaggio russo e non crediamo che Putin sia così felice.