Roma- Udinese 3-1: il solito Dzeko e una doppietta di El Shaarawy regalano la vittoria ai giallorossi

0
215

Nella sesta giornata di Serie A la Roma di Di Francesco affronta all’Olimpico l’Udinese allenata dall’ex Delneri.

Il tecnico giallorosso opta per il consueto turnover in vista dell’impegno di Champions di mercoledì sera e opta per un 4-3-3 con Florenzi terzino destro dal primo minuto ed El Shaarawy, Perotti e Dzeko nel tridente offensivo, con Defrel lasciato in panchina in quanto non al meglio per un problema alla caviglia e Schick ancora non disponibile.

Delneri  schiera un 4-4-2 con Lasagna e Maxi Lopez coppia d’attacco, ma la vera sorpresa è Bizzarri titolare con Scuffet lasciato in panchina.

Il primo pericolo arriva subito dalle fila friulane dopo appena 20 secondi  dall’inizio del match con Jankto, il cui insidiosissimo diagonale viene deviato in angolo, ma poi il resto della partita viene nettamente dominata dai padroni di casa.

Al 12’ Nainggolan fa tutto da solo e, dopo aver vinto una serie di contrasti, serve Dzeko da terra, mettendolo di fatto davanti alla porta. L’attaccante bosniaco non sbaglia e batte con facilità Bizzarri, segnando il suo sesto gol in campionato. 1-0.

Al 16’ Dzeko ha la possibilità di segnare il gol del raddoppio, servito da un tocco delizioso di Florenzi, ma il suo sinistro trova la parata in due tempi del portiere avversario.

Al 28’ l’Udinese ha l’opportunità di pareggiare la partita con Maxi Lopez, servito da De Paul, abile nel liberarsi di Kolarov, ma l’attaccante argentino spreca clamorosamente, calciando troppo debolmente e regalando il pallone ad Alisson.

Passano solamente due minuti e i giallorossi trovano la rete del raddoppio con una gran giocata di Dzeko  sulla sinistra per El Shaarawy che anticipa tutti e beffa il portiere. 2-0.

Il Faraone, poco prima dell’intervallo, chiude di fatto il match: dopo una rabona di Perotti l’attaccante approfitta del black out difensivo di Larsen che sbaglia la misura del retropassaggio al portiere, gli ruba la palla e segna la sua doppietta personale.   3-0.

Nella ripresa la Roma vuole controllare la partita, mentre l’Udinese cerca di limitare i danni aggiungendo solidità al centrocampo per evitare una goleada.

Al 53’ Larsen ha la possibilità di farsi perdonare, ma il suo sinistro sfiora il palo. Brividi per la retroguardia giallorossa, a cui Di Francesco chiede maggiore concentrazione.

Da un lato c’è Dzeko che tenta in tutti i modi di mettere a segno la propria doppietta personale e dall’altro l’Udinese si crea due occasioni da gol: la prima con Bajic, su cui Alisson si supera e la seconda con Nuytinck, il cui colpo di testa si stampa sulla traversa.

All’81’ il neo entrato Defrel , pescato in area da El Shaarawy, ha l’occasione per calare il poker, ma a tu per tu con il portiere fallisce.

All’87 Perotti si procura un rigore grazie a un fallo di Angella, ma colpisce il palo dopo una rincorsa lenta e poco convinta, commettendo il suo primo errore in Serie A dopo 10 centri di fila.

All’89’ Larsen, tenuto in gioco da Moreno, a tu per tu con Alisson non sbaglia e regala un gol alla propria squadra. 3-1.

La partita termina 3-1 a favore della Roma, che si può dire soddisfatta della partita giocata e può ora concentrarsi sulla partita di Champions League di mercoledì sera contro il Qarabag.

ROMA-UDINESE 3-1 (3-0)

MARCATORI: 12′ Dzeko; 30′, 45′ El Shaarawy; 89′ Larsen

ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi (78′ Bruno Peres), Manolas, Fazio, Kolarov (74′ Moreno); Nainggolan, De Rossi, Strootman; Perotti, Dzeko (71′ Defrel), El Shaarawy. In panchina: Skorupski, Lobont, Juan Jesus, Castan, Gonalons, Pellegrini, Gerson, Under.

Allenatore: Di Francesco

UDINESE (4-4-2): Bizzarri; Larsen, Angella, Nuytinck, Samir; De Paul (70′ Bajic), Barak (52′ Fofana), Behrami, Jankto; Maxi Lopez, Lasagna (46′ Pezzella). In panchina: Scuffet, Bochniewicz, Ali Adnan, Hallfredsson, Ingelsson, Balic, Ewandro, Matos.

Allenatore: Delneri

ARBITRO: Massa di Imperia

AMMONITI: Maxi Lopez

 

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here