Roma: mal di schiena causato dalle buche sul fondo stradale

0
657

Gli Italiani che soffrono di dolori alla schiena sono molti ma, come afferma Alessandro Napoli, medico del Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche e Anatomopatologiche dell’Università Sapienza di Roma, i romani hanno un problema in più. Da quanto rilasciato per Adnkronos Salute, infatti, pare che le buche presenti sul fondo stradale non siano solo causa di disagi legati alla viabilità.

La vita sedentaria è un fattore predisponente all’ernia del disco, soprattutto in zona lombo sacrale, ma ultimamente la presenza delle buche nelle strade ha aumentato la sintomatologia e la fuoriuscita dell’ernia, con sciatalgia e dolore.

Dott. Alessandro Napoli per Adnkronos Salute

E’ emerso, infatti, che gli spostamenti quotidiani attraverso le aperture tra i sanpietrini, tornate tristemente protagoniste dei giornali, alla lunga può comportare problemi. Essi sono generati dalle numerose microsollecitazioni: attraverso questi piccoli traumi si crea un danno sul disco, il quale concede la fuoriuscita dell’ernia.

Secondo il medico è, comunque, possibile proteggersi dall’insorgenza di tale disagio: infatti, un costante esercizio fisico aiuta a migliorare la muscolatura, per esempio.

L’ernia del disco, gli interventi

Una buona notizia, però, per i pazienti affetti da ernie e sciatalgie: è possibile trattare l’ernia del disco con un intrevento meno invasivo rispetto alla chirurgia. Questa tecnica prende il nome di radiofrequenza pulsata e consiste nell’utilizzare delle leggere scariche elettriche per ridurre il dolore, in modo tale di consentire al corpo di riassorbire l’ernia.

Il processo contro il dolore è stato eseguito su circa 250 pazienti; di cui 128 sono stati trattati la tecnica della radiofrequenza pulsata, mentre 120 con corticosteroidi locali. La seduta di radiofrequenza, effettuata con un ago sottilissimo, ha la durata di 10 minuti.

Un buon numero dei pazienti del primo gruppo ha registrato un miglioramento significativo in merito al dolore ed alla disabilità.