L’ultima giornata di campionato vede l’Olimpico sold out per RomaGenoa non per obiettivi di classifica, anche se la vittoria giallorossa garantirebbe la certezza del secondo posto e il conseguente accesso diretto alle qualificazioni per la Champions del prossimo anno, ma per salutare il Capitano che giocherà la sua ultima partita con la maglia dell’amata Roma.

Il Genoa si è salvato matematicamente la scorsa giornata e non ha molto da chiedere alla classifica, anche se sicuramente non vorrà sfigurare  nell’ultima partita stagionale (complice il gemellaggio della tifoseria rossoblù con quella del Napoli, che si gioca con la Roma il secondo posto).

Spalletti decide di far partire Totti dalla panchina e affida a Dzeko, capocannoniere di questo campionato di serie A, il compito di guidare l’attacco, supportato da El Shaarawy e Salah.

Proprio nel Totti-day, in cui si assiste al congedo dalla Roma del 41enne, il Genoa propone al centro dell’attacco il giovanissimo Pellegri, classe 2001, alle cui spalle agirà Palladino. Juric schiera Munoz al centro della difesa e non Burdisso come previsto.

I padroni di casa si trovano subito a fare i conti con un match in salita perché al 3’ Pellegri scatta sul filo del fuorigioco, bevendosi una difesa posizionata molto male, batte Szczesny e regala il vantaggio al Genoa. 0-1.

La Roma non deve attendere molto per pareggiare i conti e lo fa al 10’ con l’implacabile Dzeko che, dopo aver colpito il palo da ottima posizione, respinge il pallone in rete con il corpo. 1-1.

Al 20’ e al 21’ ci sono due occasioni nitide per i giallorossi per passare in vantaggio: la prima è sui piedi di Dzeko che, servito da Strootman, non riesce a imprimere forza al pallone rendendolo facile preda di Lamanna, mentre El Shaarawy un minuto dopo non inquadra la porta da ottima posizione.

Il Genoa continua a lasciare molti spazi in difesa e nei minuti finali del primo tempo i giallorossi non riescono a sfruttare a pieno queste concessioni.

Il primo tempo termina 1-1 grazie alle reti di Pellegri e di Dzeko.

Il Napoli nel frattempo sta vincendo contro la Sampdoria e dunque alla squadra di Spalletti serve una vittoria per mantenere il secondo posto.

Al 55’ entra in campo Totti, alla sua presenza nr 619 in serie A, con la quale eguaglia Buffon. Al 68’ è proprio il Capitano a scodellare in area per El Shaarawy, il cui colpo di testa viene però deviato la Lamanna in corner.

Al 74’ De Rossi porta in vantaggio la sua squadra, sfruttando un bel cross arretrato di Dzeko, molto lucido nel vedere il compagno a rimorchio, e infilando Lamanna con un sinistro potente. 2-1. La Roma è attualmente seconda.

I giallorossi non fanno neanche in tempo a festeggiare che Lazovic riporta la partita ad una situazione di parità, insaccando con estrema libertà un cross di Laxalt che aveva scavalcato Szczesny. 2-2.

Tre minuti dopo sempre Lazovic si trova a tu per tu con il portiere giallorosso, facendo rabbrividire i 67000 tifosi presenti all’Olimpico, ma Szczesny riesce a deviare il pallone sul palo.

Al 90’ Perotti , grazie a una sponda di Dzeko, porta la Roma definitivamente in vantaggio e chiude la partita scaricando un destro potente da distanza ravvicinata. 3-2.

La partita si conclude 3-2 a favore della Roma, che in extremis, grazie alla rete siglata da Perotti, si appropria del secondo posto che le consente l’accesso diretto in Champions League, rendendo vana la vittoria del Napoli a Genova.

ROMA-GENOA 3-2 (1-1)

MARCATORI: 3′ Pellegri, 10′ Dzeko, 74′ De Rossi, 79′ Lazovic, 90′ Perotti

ROMA (4-2-3-1): Szczesny; Rudiger, Manolas, Fazio, Emerson (18′ Mario Rui); De Rossi, Strootman; Salah (54′ Totti), El Shaarawy (69′ Perotti), Nainggolan; Dzeko. A disposizione: Lobont, Alisson, Juan Jesus, Paredes, Grenier, Peres, Vermaelen, Gerson.

Allenatore: Spalletti

GENOA (3-5-2): Lamanna; Biraschi, Munoz, Gentiletti; Lazovic, Veloso, Cofie, Hiljemark (56′ Cataldi), Laxalt; Pellegri (69’Ntcham), Palladino (50’Ninkovic). A disposizione: Zima, Rubinho, Burdisso, Beghetto, Morosini.

Allenatore: Juric

ARBITRO: Tagliavento

AMMONITI: Dzeko, Perotti

 

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here