Una fuga da film, ma non è una pellicola. E’ un’evasione ben congegnata per la quale si sospetta possa aver avuto qualche complice dall’esterno.

Vincenzo Sigigliano è evaso nella mattinata del 16 agosto a Roma. Una fuga da film, ma non è una pellicola. E’ un’evasione ben congegnata per la quale si sospetta possa aver avuto qualche complice dall’esterno. L’uomo, 47enne napoletano e da anni residente a Roma, era rinchiuso nel carcere di Rebibbia, poi era stato portato all’ospedale Sandro Pertini, nel quadrante est della città, per una visita medica programmata, secondo fonti di polizia.

Vincenzo Sigigliano evaso a Roma

Alle 11.30, è riuscito a scappare eludendo il controllo degli agenti della penitenziaria. Nonostante l’allarme e le ricerche anche con il supporto di un elicottero, ha fatto perdere le proprie tracce.

L’identikit dell’uomo evaso a Roma

Al momento della fuga indossava una t-shirt bianca, dei pantaloncini marroni e dei sottopantaloncini rossi e aveva ancora le manette ai polsi. È alto un metro e 75 centimetri, ha gli occhi castani, calvo e ha la barba brizzolata. Ha un tatuaggio colorato che gli copre metà del braccio sinistro. Non si può allo stato attuale delle indagini escludere che, ad aiutarlo, possa esserci stato un complice che aveva un’auto già pronta nelle vicinanze.

Era stato arrestato il 13 luglio scorso in Messico insieme ad altri due sodali, è considerato un vero e proprio mago della truffa, secondo gli inquirenti. Nel Centro America i tre acquistavano trivelle, trapani e saldatrici a cui toglievano la provenienza cinese, applicando etichette di marche conosciute e le rivendevano a 10 volte il loro valore. Avevano “agito” a San Luis Potosí, Veracruz, Guanajuato e Nuevo León, ma anche in altri paesi latinoamericani come Honduras, Guatemala e Ecuador.

Era in carcere per falso ideologico, truffa e falsificazioni di carte di credito e documenti di identità, ed era stato estradato dal Messico ad inizio luglio. Le ricerche continuano in queste ore in tutta Italia: stazioni, porti, caselli autostradali e aeroporti. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here