Rom: in un campo, un maxy incendio a Roma

0
487

Circa 35 rom hanno subito l’inalazione di fumo in un grande incendio in un campo a Roma. Sono stati curati per strada. Due persone, una donna e un bambino, sono state portate in ospedale in codice giallo. Il fuoco è scoppiato in stoppie e si è diffuso rapidamente grazie a un vento caldo. Il campo si trova sulla principale Via Aurelia nella capitale italiana.

Incendio in un campo Rom

Un grande incendio è divampato alla periferia di Roma verso le 14 di oggi 27 giugno nel quadrante nord-ovest della città, in via Bosco Marengo. A prendere fuoco, secondo le prime informazioni, sarebbero state alcune sterpaglie nei pressi del campo rom della Monachina. Il rogo si è poi propagato molto rapidamente, complici le temperature che sfiorano i 40 gradi e il forte ventoche soffia oggi, 27 giugno, sulla capitale.

Le fiamme, oltre a lambire alcune abitazioni e un centro estivo

Evacuati in tutta fretta, avrebbero aggredito alcuni dei camper dell’accampamento, causando l’esplosione di numerose bombole di gpl. Alcuni testimoni parlano di almeno 50 esplosioni e diversi camper in fiamme. L’incendio ha raggiunto anche l’Aurelia, all’altezza dell’uscita 1 del Grande raccordo anulare.

Immediato l’intervento di vigili del fuoco, protezione civile e 118 nel campo rom

Che ha soccorso almeno 35 persone con sintomi da intossicazione da fumo. Da quanto si apprende sono due le persone, una donna e il suo bambino, per cui si è reso necessario il trasferimento in codice giallo al Policlinico Gemelli. Sarebbero rimasti feriti anche due cavalli. Il rogo, che ha generato una colonna di fumo visibile a chilometri di distanza, ha levato una coltre di fumo in tutta Roma Ovest, dove l’aria è diventata irrespirabile. Si segnalano roghi anche a Pomezia e nella vicina zona di Osteria Nuova.

Carreggiate chiuse

Chiusa la carreggiata esterna del Grande Raccordo Anulare, all’altezza dello svincolo “Lopez – Parco de Medici” al chilometro 59. A renderlo noto è l’Anas, precisando che la chiusura è resa
necessaria per far eseguire le procedure di messa in sicurezza da parte dei Vigili del Fuoco per l’incendiodivampato al di fuori della sede stradale, all’altezza del km 57,700. Sul posto sono presenti i Vigili del Fuoco, le squadre Anas e la polizia stradale per ripristinare la circolazione in sicurezza nel più breve tempo possibile.