Ieri, il presidente iraniano Rohani, nel suo discorso, ha definito le pressioni americane “senza precedenti”. Egli ha, inoltre, invitato il Paese all’unità per affrontare le difficoltà che in questo momento sta attraversando.

Rohani ha, inoltre, sottolineato che la difficile situazione che sta attreversando l’Iran forse: “è peggiore della guerra con l’Iraq negli anni ’80”.

Le agenzie di stampa iraniane ufficiali, riportando le dichiarazioni del presidente Rohani, hanno citato la sua seguente affermazione:

“Oggi, non si può dire se le circostanze siano migliori o peggiori della guerra degli anni ’80, ma in quel periodo, non avevamo problemi con le banche o con la vendita di petrolio, o con le importazioni ed esportazioni, le sanzioni sulla vendita di armi erano il nostro unico problema”.

Rohani ha aggiunto nel suo discorso: “Le pressioni dei nemici sono una guerra senza precedenti nella storia della nostra rivoluzione islamica. Ma io, non dispero, perchè ho molta fiducia nel futuro e credo che possiamo superare queste difficili circostanze, solo se siamo uniti”.

Dopo che il presidente americano Trump aveva ritirato ufficialmente il suo appoggio all’accordo siglato nel 2015, Rohani era stato fortemente criticato dalle frangi più estremiste del panorama politico iraniano.

Trump non ha, però, voluto rompere definitivamente i rapporti con l’Iran, anzi, egli ha invitato i rappresentanti del governo sciita ad intraprendere nuovi colloqui che, in linea di massima, dovrebbero portare alla rinuncia da parte iraniana del suo programma nucleare, avvisando che, in caso contrario, l’opzione militare non è da escludere.

Proprio in previsione di quest’ultimo scenario, che potrebbe diventare sempre più probabile se l’Iran non farà un passo indietro, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha aumentato la pressione economica e militare sull’Iran, infatti, proprio qualche giorno fa, egli ha bloccato le esportazioni di petrolio dall’Iran, e allo stesso tempo, ha rafforzato la presenza militare americana in medio oriente.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here