Risvegli‘, poesia di Giuseppe Ungaretti, è una delle tracce per la prima prova scritta dell’esame di Maturità 2019. Si tratta di un componimento facente parte della raccolta ‘L’allegria. Il porto sepolto’ del 1942.

‘Risvegli’: il testo

Il porto sepolto di Ungaretti

Ogni mio momento
io l’ho vissuto
un’altra volta
in un’epoca fonda
fuori di me

Sono lontano colla mia memoria
dietro a quelle vite perse

Mi desto in un bagno
di care cose consuete
sorpreso
e raddolcito

Rincorro le nuvole
che si sciolgono dolcemente
cogli occhi attenti
e mi rammento
di qualche amico
morto

Ma Dio cos’è?

E la creatura
atterrita
sbarra gli occhi
e accoglie
gocciole di stelle
e la pianura muta

E si sente
riavere.

‘Risvegli’ dalla raccolta “L’allegria.Il porto sepolto”

Nella raccolta Ungaretti parla dell’opera del poeta come una discesa in un porto sepolto per riportare alla luce soltanto dei frammenti indecifrabili.
Il titolo “Il porto sepolto” è essenziale per comprendere il senso della poetica ungarettiana. Il porto costituisce infatti una metafora del viaggio introspettivo del poeta alla ricerca del mistero dell’essere umano.
Lo stesso Ungaretti ha più volte spiegato il senso del titolo. Da ragazzo il poeta conobbe dei giovani ingegneri francesi da cui scoprì dell’esistenza di un porto sommerso ad Alessandria d’Egitto, la città natale dell’autore. Ungaretti, profondamente colpito dal fatto che queste rovine sarebbero rimaste nascoste per sempre, ne prende spunto e elabora questa vicenda. Il titolo indica quindi qualcosa di oscuro ed indecifrabile.

TUTTE LE TRACCE DELLA MATURITÁ 2019

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here