Rischio meteo anomalo: con inverno precoce

0
168
Rischio meteo anomalo

Insolito RISCALDAMENTO della Stratosfera: rischio meteo anomalo, con INVERNO precoce. Dinamiche invernali anticipate di un mese

In questo periodo dell’anno il raffreddamento delle regioni polari è costante. Ciò si traduce in un calo della pressione e venti in intensificazione. Osservando l’andamento dei venti possiamo notare che fin dai prossimi giorni ci saranno dei cambiamenti importanti, difatti è atteso un indebolimento nella seconda parte del mese. Rischio meteo anomalo : con inverno precoce, Stiamo parlando di un evento che non è assolutamente normale e che potrebbe avere ripercussioni importanti sia nel prosieguo dell’Autunno che sul prossimo Inverno.

Sul finire della settimana i vari modelli ci mostrano un riscaldamento stratosferico a partire dalla Siberia, in graduale spostamento sulla Siberia nord-orientale. Le temperature, ad un occhio non esperto, potrebbero non sembra elevate ma possiamo assicurarvi che si prospettano anomalie davvero imponenti. A circa 30 km di quota, infatti, in alcune zone della Siberia si registreranno fino a 17 gradi in più del normale. Per questo periodo dell’anno è certamente insolito, considerate che i primi riscaldamenti dovrebbero avvenire tra circa un mese.

Tempesta tropicale Kompasu: vittime e dispersi nelle Filippine

Alluvione in Cina nello Shanxi

Nuova sfuriata invernale: in arrivo neve e gelo

Tale riscaldamento stratosferico spingerà il Vortice Polare sul lato del Pacifico. In questo settore si svilupperà un’area di Alta Pressione, a seguire potrebbe svilupparsi un’altra onda di calore più consistente della prima. Questa seconda ondata dovrebbe provenire ancora una volta dal settore siberiano, spingendosi sul circolo polare. In questo caso parliamo di anomalie che potrebbero raggiungere 18 gradi e che dovrebbero spingersi più in profondità.

Tutto ciò ci fa supporre che il vortice polare non avrà vita facile, fin da subito. Situazione che andrà monitorata costantemente perché potrebbe avere dei risvolti imprevedibili. Chi sta seguendo gli eventi ritiene che tali riscaldamenti potrebbero destabilizzare il Vortice Polare sino al punto da innescare precoci ondate di freddo già nel mese di novembre, con ripercussioni in Italia tutte da valutare.

Diciamo che l’Inverno potrebbe iniziare prima del solito, ma chiaramente sulle nostre regioni sussistono tutta un’altra serie di variabili che potrebbero modificare la futura evoluzione. Noi, come sempre, la seguiremo passo passo e qualora dovessero subentrare novità invernali sorprendenti saremo pronti a commentarle insieme. Per ora accontentiamoci di sapere che il Vortice Polare sta registrando una partenza a rilento e che il suo cammino sarà pieno di ostacoli.