Ricostruzione del “Ponte Simeone” tra Massafra e Palagiano

0
967

Dalla Provincia di Tarnto arriva la notizia della rimodulazione del progetto per la ricostruzione del “Ponte Simeone”, tra i due comuni di Massafra e Palagiano.

MASSAFRA – La buona notizia scaturita dal Consiglio provinciale del 18 ottobre scorso è che è stato rimodulato il progetto per la ricostruzione del “Ponte Simeone”, tra Massafra e Palagiano, in base alle risorse già disponibili.

Il sindaco Fabrizio Quarto ha da subito preso in considerazione la vicenda del “Ponte Simeone”, danneggiato pesantemente e reso impraticabile in seguito all’indimenticabile alluvione del 2003, che non consentiva il transito ai numerosi agricoltori e proprietari di terreni ricadenti al di là del ponte, che si vedevano così costretti a compiere estenuanti percorsi per raggiungere i loro appezzamenti.

Il sindaco Quarto, prendendo atto della progettazione esistente, che necessitava di somme ben più ingenti rispetto a quelle disponibili, ha cercato, grazie alla volontà del presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Gugliotti, e dei tecnici di via Anfiteatro, una soluzione che adeguasse e rimodulasse la ricostruzione alle risorse finanziarie esistenti nella cassa provinciale e rinvenienti da fondi della Protezione Civile.

“Oggi – afferma Quarto – mi sento di ringraziare in particolar modo il presidente Gugliotti, il sindaco di Palagiano Lasigna e i colleghi consiglieri, con i quali si è trovata la linea comune di “asciugare” un grosso progetto senza sminuire l’opera, rendendola essenziale, efficiente e funzionale, riparametrandola ai 4,5 milioni di euro disponibili e inserendola nel piano delle opere pubbliche provinciali. Con il nulla osta odierno quella che è stata una emergenza per diversi lustri, il “Ponte Simeone” che collegava la Provinciale n. 35 alla Strada Statale n. 106, lascia ora il posto alla fattibilità e alla concretezza.”

Il sindaco ha poi concluso garantendo che certamente si continuerà a seguire tutto l’iter procedimentale affinché il disagio per molti concittadini termini al più presto.

Commenti